− five = 1

La stagione ad Ibiza è praticamente agli sgoccioli: i più noti brand dell’isola hanno già salutato l’estate, mentre manca davvero poco alla chiusura delle sue discoteche storiche.

Il poco successo riscontrato dalle serate più famose di Ibiza, ci impone di chiederci quale sia la direzione che sta prendendo la scena musicale della Isla Blanca.

Con la chiusura dello Space, e la mancata residenza di Carl Cox, sull’isola qualcosa è cambiato. Lo Space, e in particolare la serata organizzata dal dj britannico, ha portato ad Ibiza artisti che non si potevano sicuramente identificare come abitué, almeno negli ultimi 5 o 6 anni. Anche dal punto di vista turistico, i giornali locali come El Periódico de Ibiza e il Diario de Ibiza, definiscono l’estate 2017 come una “mala temporada”.

Se analizziamo la proposta musicale, da qualche stagione sull’isola non si è visto niente di nuovo. Ibiza ed i protagonisti che l’hanno resa famosa in tutto il mondo, hanno iniziato a non essere più il centro dell’attenzione per gli appassionati. Basta uno sguardo alle programmazioni di questa stagione per capire che qualcosa non è andata per il verso giusto.
Le line up dei suoi closing party non hanno fatto altro che confermare questa tendenza.

ibiza

Lo scorso decennio, il periodo delle aperture e delle chiusure dei club di Ibiza, non passava di certo inosservato; gli occhi di tutto il mondo erano puntati sull’Isla Blanca, poiché era risaputo che da lì sarebbero partite le nuove tendenze che avrebbero invaso l’Europa, almeno durante la stagione estiva. Le programmazioni di moltissimi club, europei e mondiali, erano studiate per poter portare nelle varie zone del pianeta la musica di Ibiza, in modo tale che le persone che non potevano permettersi di andare nelle Baleari, riuscissero ad avere l’occasione di ascoltare vicino alla propria casa i migliori dj del pianeta.
Il successo era matematicamente assicurato.

Oggi però, gli anni della libertà e della sperimentazione sono solo un ricordo, i tempi dell’eccellenza musicale solo una chiacchiera. Ibiza nell’ultimo decennio ha iniziato a chiudere la porta a tutto quello che stava arrivando da fuori, dando vita ad un circolo vizioso che ha incluso nelle proprie line up, quasi esclusivamente, tendenze ed artisti interne alle dinamiche dell’isola stessa. La Baleare ha iniziato a specchiarsi troppo in sé stessa, adagiandosi sul rapido successo mondiale dei propri eventi.

Ma anche Ibiza, come i maggiori brand internazionali, non può vivere a lungo solamente di rendita. Ragionando sui closing party di quest’anno e, se vogliamo, considerando le intere line up stagionali, la tendenza dei promoter che lavorano sull’isola è proprio quella di proporre costantemente gli stessi artisti, che si spostano di consolle in consolle all’interno della stessa rete di eventi.

ibiza

Molti dei dj che vi suonano durante l’estate hanno manifestato la propensione ad uniformare il proprio sound, un sound che richiama volutamente ad Ibiza e all’Ibiza-style, ma che sembra non saper più prendere una direzione innovativa. Ovviamente è principalmente una questione di gusti, poiché anche durante questa stagione abbiamo visto esibirsi l’eccellenza della tech-house in spettacoli che hanno fatto registrare il tutto esaurito (o quasi) per settimane e settimane.

ibiza

Gli esempi più evidenti sono quelli del Circoloco, che si conferma un appuntamento imperdibile, di ElRow, che ha riscosso un successo quasi inaspettato durante la prima stagione all’Amnesia, di Solomun +1, che rimane il re indiscusso del Pacha e di Marco Carola, che senza dubbio chiude l’ennesima annata trionfale con il suo Music On. Oltre alle crew appena citate, c’è da riconoscere che anche i Tale Of Us hanno dimostrato sul campo di essere tra le personalità più importanti della musica elettronica contemporanea, confermando l’appeal del proprio show Afterlife.

Inoltre, è innegabile che serate come Paradise, Rumors e Mosaic by Maceo abbiano lavorato bene. Quello che ci sembra obbligatorio sottolineare però, riguarda la fase di stallo che l’isola sta passando. In tempi come quelli che stiamo vivendo, Ibiza è solo una parte dell’offerta musicale mondiale. L’isola si sta infatti ritagliando un posto sempre più piccolo all’interno delle cronache di settore e della considerazione dei clubbers europei.

È doveroso ammettere che il panorama musicale sta cambiando velocemente, che la situazione attuale rischia di lasciare indietro proprio quell’isola che è stata la locomotiva nello scorso ventennio. Ci sono realtà in Europa, club, label e artisti, che stanno andando davvero forte.

Artisti che si stanno ritagliando sempre più spazio durante gli appuntamenti cruciali dell’anno, come ad esempio al Dekmantel, all’ADE o durante la Sónar week. Ibiza insieme a tutto quello che comprende si trova di fronte ad un grosso bivio: diventare il punto di riferimento del clubbing più mainstream, che continua ad attirare su di sé un determinato tipo di clientela, oppure lavorare di più sulla varietà, sull’offerta, rimettendo al centro della scena la musica.
Per questi motivi, la stagione 2017 non è sicuramente stata una delle più esaltanti che Ibiza ricordi.

Ci auguriamo però che al più presto quest’isola incantata faccia di nuovo sognare migliaia di appassionati, radunando come un tempo clubbers da tutto il mondo sotto un’unica bandiera, quella della musica.