seventeen − seven =

Il celebre club berlinese riaprirà il prossimo 2 ottobre dopo lo stop dovuto alla pandemia da coronavirus.

Il Berghain dopo aver fatto diversi eventi all’inizio di luglio, eventi infrasettimanali all’aperto, in giardino e mostre d’arte; è pronto a ripartire con quello che è l’anima del posto: i “Klubnacht”, le serate in discoteca al chiuso.

Ripartirà appunto il prossimo 2 ottobre con ospiti tre back-to-backs: Tama Sumo con LakutiMassimiliano Pagliara con nd_baumecker e Ben Klock con Marcel Dettmann. Saranno presenti anche DJ Stingray, Electric Indigo, rRoxymore, Gabrielle Kwarteng e Cormac.

Le serate continueranno per tutto ottobre con Mala Junta, plus DJ sets from Sally C, DVS1, Avalon Emerson, LSDXOXO, Palms Trax, Honey Dijon e molti altri.

Per poter entrare oltre a riuscire a superare la severa politica alle porte sarà necessario un attestato di avvenuta guarigione dal covid-19 o una certificazione che provi l’avvenuta vaccinazione.

Per l’evento il Berghain racconta:

“Non vediamo l’ora della nostra prima serata in discoteca dopo quasi 19 mesi, che possiamo festeggiare con te e i nostri artisti al Berghain e al Panorama Bar. Ci sarà una riunione con alcuni dei nostri residenti e amici di vecchia data, oltre che per la prima volta indoor le due artiste Gabrielle Kwarteng e Vale Budino, che ci hanno già regalato i loro set nel giardino del club. La musica è spesso definita come qualcosa di universalmente umano, un linguaggio compreso in tutto il mondo. Che non ha senso evolutivamente, ma ha saputo rafforzare il senso di comunità fin dall’inizio della storia umana. È un’eco della nostra umanità, che porta a strutture simili ed è riconosciuta indipendentemente dal background culturale, che si tratti di una canzone d’amore o di una pista da ballo. La musica è la risposta. Con questo in mente: lascia che il basso spacchi , ci vediamo sulla pista da ballo!”

QUI il link all’evento dal sito ufficiale.

QUI invece vi parliamo dell’etimologia del Berghain.