We are happy to host one of the artists we praise and follow the most. Inigo Kennedy is a real chapter of history we are proud to interview.

It’s a cliché but I’m so proud to listen live to your answers at my questions. Who is Inigo Kennedy, what does his music represent and what does he want to say to his public?

I’m a lucky guy with a creative soul. I’m busy with many things not only music. I’m lucky to have the chance to make music and for people to get to hear it and even more so to travel, see the world and play. I’ve tried not to follow the herd and always try do what makes sense to me creatively. Not so simple when also a perfectionist and always pushing myself maybe a bit too hard. My music, well it’s electronic of course and of a certain time but I really try to involve an emotional level and try to be more timeless in that way too. I think that’s important to feel like you are giving something of yourself and something important that can connect with other people.

Parallel, can you tell us about your monikers Reducer / Tomito Satori / Helki Törsnum?

Really these came about in a very busy time for the techno scene, a lot of vinyl releases and an intense time for production for me too. To be honest though, there is nothing special behind those names, it was really just a way to release more music and to divide the sound of different productions and inspirations a bit between the different pseudonyms. I think the Reducer project was the most timeless and also my favourite. That period as quite crazy though with so many releases every month and I feel happier now as I focus in a better way I think.


Your label, Asymmetric, tell us something about it. The philosophy, the idea above its work.


The philosophy really was to have a way to release my music in a pure way and not for it to be filtered through someone else’s decisions so much – sometimes that’s a great benefit of working with another label or through a distribution company that handles the mechanics of releasing the music and sometimes that’s a restriction and frustration. I’m proud of the vinyl releases on Asymmetric, they have a quite distinct sound and they feel pretty unique especially when all around things started to fall between the voids of the ‘sample loops’ and the ‘minimal’ thing or in other words not very memorable music around that time. That philosophy really extended even more when the label became digital, as Asymmetric MP3, and I had even more freedom to release my music. Especially as I commited that project to releasing the music for free – there’s a big resource of music there that some people are just not aware of! It’s all still to be found at www.asymmetric.co.uk if anyone is interested!



And something about the labels you have worked with: Token / Rodz-Konez / Semantica / Stroboscopic Artefacts

Token is really where my heart is and my loyalty. It’s a great combination of the time, the approach, working with friends and feeling like being part of something bigger than its parts also. It’s fantastic to have been responsible for the first release on Token and to watch the baby grow into something really strong – full credit to the way Kris imagined and devloped the label. I would say that those other labels you mention I wouldn’t consider in the same way, like a home, although without doubt it’s an honour to have worked with all of them! I was really proud of the releases I did on Semantica for example and the presentation of it. In fact to a degree if you look at all those labels you mentioned they are all quite distinct and distinctive and that plays to my own philosophy well so I don’t think it’s by accident that I’ve workd with these and others.


You’re a very respected person in music scene. Your career longevity is an example for the young talents. Only you can tell us what has changed in the music world during this last decade. In the production, on the dancefloor, in the backstage, ecce cc…


A lot of things have changed and many things have stayed the same. What makes good music and a good atmosphere and emotion and impact stays the same. Keeping yourself to yourself and doing things for the right reason for yourself stays the same. Those are so important to remember I thnk. The production levels of events are so much higher now and the way music is produced and distributed is so different but you can still feel what is good music or a good event and what is bad. You know when music is for the wrong reasons and when it’s from the heart. It’s been interesting to see the evolution of new techniques, going through bad patches and becoming good. It’s almost like the way things like the punk scene exploded out of a rebellion against what was around it that you can see a similar thing even within the same genre that we call techno.

You are also a software developer, is this the key of your creativity success?

I don’t think so although there are some similarities. There are also a lot of differences and it’s good to have a balance in life. I’ve said before that the processes could be quite similar but the results are different. In software you aim to remove any accident and have a certain result. With music I think it’s very different and for me it’s important to make environment in which you can have accidents ands that you don’t know the exact results. There’s definitely a thread of computers in my life though, since my dad, who was an electronic engineer, first brought them into our home in the late 70’s and in a way it’s pretty amazing to have grown up exactly in the era in which computers have changed everything around us. It was just natural for me to end up understanding and using computers in so much that I do.

Do you want to speak about your future program?

It’s hard to say although there are new releases for Token on the way for sure. It’s quite difficult to find so much time these days; life really exploded with starting a family and also travelling a lot more for gigs and so on. As I wrote at the start it’s a really lucky place to be and a chance that not many people have but it’s also quite exhausting! I’m sure there will be another album sometime soon too although quite a bit of pressure to follow ‘Vaudeville’ maybe! We will see!

Interview

Pier Paolo Iafrate

Translation

Mirno Cocozza

Siamo lieti di ospitare uno degli artisti che stimiamo e seguiamo di più in assoluto. Inigo Kennedy è un vero pezzo di storia che ci rende orgogliosi di averlo intervistato.

E’ un cliché ma sono orgoglioso di poter ascoltare dal vivo le tue risposte alle mie domande. Chi è Inigo Kennedy, cosa rappresenta la sua musica e cosa vuole esprimere al suo pubblico?

Sono un tipo fortunato con un animo creativo. Sono occupato con tante cose, non solo con la musica. Sono fortunato ad avere la possibilità di fare musica, ancor di più per il fatto che la gente abbia possibilità di ascoltarla e per la possibilità di viaggiare, vedere il mondo e suonare. Cerco di non seguire il gregge e di fare ciò che ha senso per me creativamente. Non è così facile in quanto sono anche un perfezionista e sono anche troppo severo con me stesso. La mia musica è sicuramente elettronica ma ad un certo punto cerco di inserire un livello emozionale e darle un connotato “senza tempo” in questa maniera. Penso sia importante tenere a mente di dare qualcosa di te stesso e che possa connettersi con altre persone.

Parallelamente, puoi raccontarci qualcosa riguardo i tuoi moniker Reducer/ Tomito Satori/ Helki Torsnum?

In realtà vennero fuori in un periodo molto frenetico della scena techno, molte release in vinile e tantissimo tempo dedicato alla produzione, per quanto mi riguarda. Onestamente non c’è nulla di speciale dietro questi nomi, era solo un modo per rilasciare più materiale e per distinguere il sound di produzioni ed ispirazioni differenti tra i diversi pseudonimi. Penso che il progetto Reducer sia il più “senza tempo” ed il mio preferito. Quel periodo era piuttosto pazzesco , con tantissime release ogni mese e penso di essere felice di potermi concentrare meglio in questo periodo.

La tua etichetta, Asymmetric, parlaci della filosofia, dell’idea alla base di questo progetto

La filosofia che c’è dietro è di poter rilasciare musica in maniera pura, senza il filtro delle decisioni di qualcun’altro. Molte volte è un grande beneficio quello di lavorare per un’altra label o tramite una compagnia di distribuzioni che gestisce i meccanismi di release musicali, altre volte è una restrizione ed una frustrazione. Sono orgoglioso delle release in vinile su Asymmetric, hanno un sound distinto e risultano uniche, soprattutto pensando che tutt’intorno le cose gravitano attorno al vuoto dei Sample Loops e del “minimale”, in altre parole musica poco memorabile nel periodo in questione. Questa filosofia si è estesa fin oltre quando la label è uscita in digitale, come Asymmetric MP3, ed ho ottenuto ancor più libertà per rilasciare la mia musica. Soprattutto perché utilizzo questo progetto per rilasciare musica gratuitamente. C’è una grande risorsa musicale di cui le persone non sono a conoscenza! Potete ancora trovarne su www.asymmetric.co.uk se qualcuno è interessato.

Raccontaci qualcosa riguardo le etichette con cui hai lavorato: Token/Rodz-Konez/Semantica/Stroboscopic Artefacts

Token è dove risiete il mio cuore e la mia lealtà. Ne fanno parte anche la combinazione di tempo, l’approccio, il fatto di lavorare con gli amici e la sensazione di essere parte di qualcosa di più grande. E’ fantastico il fatto di essere stato responsabile per la prima release su Token e vedere la creatura crescere forte. Tutto il credito va al modo in cui Kris l’ha immaginata e sviluppata. Direi che le altre label che hai nominato non le considero allo stesso modo, sebbene sia stato un onore aver potuto lavorare per loro! Sono orgoglioso delle release su Semantica, per esempio, e la loro presentazione. In effetti, se dai un’occhiata a tutte le label che hai menzionato sono tutte ben distinte. Ciò è coerente con la mia filosofia, quindi non penso sia un caso che io abbia collaborato con queste ed altre etichette.

Sei una persona molto rispettata nella scena musicale. La longevità della tua carriera è esemplare per i giovani talenti. Solo tu puoi dirci davvero cosa è cambiato nel mondo della musica durante l’ultima decade. Nella produzione, nei dancefloor, nel backstage etc…

Sono cambiate tante cose e molte cose sono rimaste uguali. Ciò che rende bella la musica, l’atmosfera, l’emozione e l’impatto sono rimaste le stesse. Il fatto di farsi i fatti propri, farsi da sé e fare le cose per i motivi giusti è rimasto lo stesso. Penso sia molto importante ricordarlo. I livelli di preparazione degli eventi è molto più alto adesso e il modo in cui viene prodotta e distribuita la musica è differente ma puoi ancora distinguere la buona musica ed un buon evento da ciò che è fatto male. Ti rendi conto di quando la musica è fatta per i motivi sbagliati o quando viene dal cuore.

E’ stato interessante vedere l’evoluzione di nuove tecniche, passando attraverso patch sbagliate che poi sono migliorate. E’ un po’ come quando la scena punk è esplosa da una ribellione contro ciò che le stava attorno, puoi vedere una cosa simile addirittura in questo genere che chiamiamo Techno.

Sei anche uno sviluppatore di software, pensi sia questa la chiave del tuo successo?

Non penso anche se ci sono molte similarità. Ci sono anche molte differenze e è giusto avere un buon bilanciamento di esse nella vita. Ho già detto che il processo può essere simile ma i risultati sono differenti. Nel software il tuo obiettivo è rimuovere qualunque errore ed ottenere un certo risultato. Con la musica penso è molto differente e per me è importante trovarmi in un ambiente in cui posso fare errori ed in cui non so quali saranno i risultati. Ci sono sicuramente molti computer nella mia vita in ogni caso, in quanto mio padre, ingegnere elettronico, li portò in casa alla fine degli anni ’70 e, in effetti, è fantastico il fatto di essere cresciuto esattamente nell’era in cui i computer hanno cambiato tutto attorno a noi. Era naturale per me finire per capire ed utilizzare i computer così tanto.

Ci vuoi parlare dei tuoi progetti futuri?

Non saprei, anche se ci saranno sicuramente nuove release su Token. E’ molto difficile trovare tempo in questi giorni; la mia vita è davvero esplosa da quando ho iniziato ad avere una famiglia, oltre al fatto di dover viaggiare molto per set e cose varie. Come ho scritto inizialmente mi ritengo molto fortunato e so che è una possibilità che molti non hanno ma è anche molto spossante! Sono sicuro che ci sarà un nuovo album presto sebbene ci sia un bel po’ di pressione per il successore di Vaudeville! Vedremo.

Interview

Pier Paolo Iafrate

Translation

Mirno Cocozza

No more articles