54 + = sixty three

Questa settimana per Italian Affair vi proponiamo Adiel, una delle personalità artistiche italiane più importanti del momento.

Grazie ad uno stile estremamente originale che abbina sonorità mistiche, profonde ad altre più dure ed industriali, Adiel sta conquistando anno dopo anno le console dei club più importanti d’Europa, ponendosi in una posizione di assoluto rilievo nel panorama nazionale ed internazionale.

Nata a Roma nel 1991, non è stato difficile capire che le arti avrebbero avuto un ruolo fondamentale nella sua vita. Sin da piccola Adiel è affascinata dal mondo artistico, da quello della fotografia a quello della musica, dalla moda alla pittura. Il suo percorso artistico inizierà proprio tra i pennelli e i colori di una vecchia bottega fiorentina, dove a soli 10 anni Adiel capisce di voler fare l’artista e di legarsi in maniera indissolubile alle sue creazioni.

Con il passare degli anni Adiel sviluppa un interesse crescente per la danza e per la musica. Inizia così a frequentare i primi rave e i party drum n’ bass della Capitale, e proprio in quelle occasioni capisce che si sta creando un legame sempre più forte tra lei, la musica ed il dancefloor.

La vera e propria scintilla con la musica scatterà poco tempo dopo, innamorandosi perdutamente delle produzioni di artisti come Boards of Canada, Kraftwerk, Muslimgauze e Mouse on Mars.

Spinta dalla curiosità e dal medesimo desiderio che l’ha fatta iniziare a dipingere, – quello di poter toccare e plasmare l’arte – Adiel acquista i suoi primi dischi ed inizia a mettere le mani sul mixer, conquistando in poco tempo la console di un club a dir poco leggendario come il Goa Club di Roma.

Dopo aver calcato per anni il dancefloor del club capitolino, Adiel ne conquista il palco, aiutata e consigliata dal suo mentore Giancarlino il quale scorge nella giovane artista una determinazione ed una passione seconde a nessuno.

Oltre ad essere una delle dj più promettenti della scena internazionale, Adiel è anche una produttrice di grande talento. Crescendo artisticamente a Roma, città alla quale l’artista deve gran parte del suo successo, Adiel non poteva trovare due maestri migliori di Donato Dozzy e Neel per quanto riguarda il suono e la produzione musicale. I due artisti romani, talvolta riuniti sotto lo pseudonimo di Voices From The Lake, sono tra i musicisti italiani più apprezzati a livello internazionale, potendo vantare importanti date in club come Berghain, The Warehouse (Washington DC) e Unit (Tokyo).

Grazie alle loro conoscenze e consigli, Adiel impara presto a sviluppare uno stile che rappresenti appieno la propria personalità e concept musicali. Suoni cupi e profondi sono spesso abbinati a kick penetranti e a dei vocal che conferiscono ai suoi lavori una connotazione mistica ed intima.

Durante il lockdown, lontano dall’amata console e dai club, Adiel non si è fatta demoralizzare dal periodo particolarmente difficile che noi tutti abbiamo vissuto, utilizzando gran parte del tempo a sua disposizione per migliorarsi come artista ed approfondire i vari aspetti riguardanti la produzione musicale.

Adiel è inoltre owner di una delle label più interessanti della scena: Danza Tribale.

Nata nel 2016 dalla mente dell’artista romana, Danza Tribale vanta numerose release di successo come “Anatomia Del Cavallo”, “Cavallina” (in collaborazione con Donato Dozzy) oppure “Raso”, EP realizzato in collaborazione con Anthony Linell. Il nome che Adiel ha voluto dare alla sua etichetta reincarna perfettamente la sua idea di musica, tanto dinamica quanto intima e personale, come se attraverso la danza e l’ascolto delle sue produzioni si venga a creare un’atmosfera tribale, religiosa, empatica, dove ognuno di noi possa sentirsi libero di esprimersi.

Il 30 ottobre uscirà su Danza Tribale “Progetto Tribale vol. 7” (pre-save disponibile cliccando qui), un progetto iniziato da Giancarlino nel 1992, che dopo 24 anni dall’ultima uscita ha lasciato alla label di Adiel l’onore ed il prestigio di pubblicare il settimo volume. Descritto dalla critica come un progetto rivoluzionario per le sonorità proposte, Progetto Tribale unisce ritmi tipicamente africani a suoni più contemporanei ed elettronici, dando vita a produzioni decisamente originali e dall’altissimo livello tecnico.

La magia ed il misticismo emanati dai suoi set, l’originalità nelle proposte musicali, una fortissima determinazione ed una sconfinata passione per la musica rendono Adiel una delle stelle più luminose dell’attuale panorama techno. In attesa di poter tornare a ballare con i suoi dischi, vi lasciamo uno dei suoi ultimi live set per PHOTON a Berlino.