Len Faki lancia due nuove label: Figure Jams e LF RMX, con due vocazioni parallele.

Il DJ e produttore tedesco Len Faki, già proprietario della sua Figure nel cui roster vanta nomi da Regal a Radio Slave, passando per Slam e Planetary Assault Systems, ha deciso di fondare altre due etichette per seguire parallelamente più progetti. Le nuove creature si chiamano Figure Jams e LF RMX, ed hanno due scopi e vocazioni ben precise.

La prima è una sub-label e si propone di esplorare e consolidare una comune visione artistica tra artisti con i quali Faki ha già collaborato, per andare a creare una sorta di network in cui questi artisti possano dialogare attraverso le loro produzioni, il loro approccio creativo e la loro visione. Ogni release che uscirà da questa Figure Jams sarà condivisa tra due artisti che si divideranno i due lati del vinile andando a creare proprio con questo format quella sorta di dialogo basato su punti in comune ed in contrasto. La prima release programmata sulla Figure Jams sarà di Fabrizio Lapiana e Amotik, in uscita per il 12 di giugno, di cui possiamo ascoltare gli snippets in anteprima:

 

La seconda label, LF RMX, come già suggerisce il nome sarà invece rivolta ai remix e avrà un taglio molto più personale, dal momento che il DJ resident del Berghain è famoso anche per i suoi edit e la sua attitudine ai remix. Questa label sarà praticamente una stazione per la quale passeranno tutti i suoi remix e le tracce editate per i suoi Dj-set. Sarà lanciata il 3 luglio con due differenti take della “Black Patterns” di DJ Bone. Un dato degno di nota per la LF RMX è che sarà completamente no-profit, e i suoi incassi saranno devoluti alla Straßenkinder e.V., organizzazione con sede a Berlino che, come suggerisce il nome, si occupa di povertà infantile e di bambini senzatetto.

Sono state annunciate anche le seconde uscite delle due label, marchiate “002”, e saranno uno split tra Abstract Division e Patrik Skoog per la Figure Jams il 24 luglio, nonchè dei remix di “deep in” di Stephen Brown per la LF RMX durante l’estate che verrà.

No more articles