+ eighty two = 83

Il DJ libanese Madi Karimeh ha suonato davanti ad una folla di migliaia di manifestanti a Tripoli contro le misure che il governo sta attuando per affrontare la crisi economica in cui è precipitato il paese.

Condiviso da migliaia di persone, il video del DJ Madi Karimeh che suona da un balcone in piazza a Tripoli e che conta ad oggi quasi un milione di visualizzazioni su Twitter, è diventato oltre che un simbolo, anche una spinta per dare il via ad una serie di DJ Set improvvisati in tutta la capitale (guarda i video a fondo pagina).

Sono in migliaia le persone scese in piazza da giorni per manifestare contro le misure del governo messe in atto per affrontare la grave crisi economica che minaccia il paese. Massicce manifestazioni infatti scuotono il Libano dallo scorso 17 di ottobre, con lo scopo di ottenere le dimissioni in blocco del governo e la fine delle misure di austerità applicate. Il recente annuncio di applicare una tariffa per le chiamate WhatsApp, piattaforma utilizzata nel paese per il prezzo proibitivo delle tariffe telefoniche, è stata la miccia che ha acceso la protesta. A poche ore dall’annuncio infatti, la mobilitazione ha assunto dimensioni senza precedenti; generando da Tripoli alla valle della Bekaa, la chiusura di banche, scuole nonché il blocco momentaneo delle autostrade.

Una marea di persone di tutte le età, religioni e classi sociali, in modo pacifico hanno inondato le piazze, sfidando sia l’esercito che i partiti politici, che per delimitare la protesta hanno attaccato i manifestanti. Tutto il paese è sceso in piazza contro i suoi sovrani, e grazie a Madi Karimeh, anche la musica elettronica!

“Grazie alla musica sono stato in grado di cambiare il modo in cui le persone vedono Tripoli. La gente associa sempre la città solo ai combattimenti di Bab al-Tabbaneh e Jabal Mohsen, ma Tripoli è più di questo.

Se le strade non fossero state chiuse da Beirut sarebbero venuti tutti a Tripoli stanotte.” ha dichiarato Madi Karimeh.

Evento che ancora una volta ci insegna che indipendentemente dal genere, qualunque tipo di musica esalta un linguaggio universale in grado di unire le masse. La forza seduttiva che ne scaturisce, è l’emozione che insieme all’amore annulla ogni frontiera e ogni classe sociale. Perché la musica non è solo un insieme di suoni e note, ma è quell’energia che ha il potere invisibile di durare nel tempo, di unire i popoli e arrivare ovunque.

Guarda i video che mostrano alcuni DJ Set a tripoli qui sotto:

via Twitter: Timour Azhari (@timourazhari) 21 ottobre 2019

— elias :p (@eliasjescart) 19 ottobre 2019


Leggi anche il nostro articolo sul blocco dei rave del senato francese