− six = 2

Nora En Pure, artista svizzero sud africana dalle sonorità melodic deep house, parla della sua ispirazione musicale e del forte legame con la natura presente nella sua produzione musicale.

Nora En Pure è una personalità artistica originale. Il suo habitat musicale e non solo, si trova in quelle linee sfumate tra concetti opposti che trovano incontro perfetto nell’epoca contemporanea. Fluidità sonora, organicità musicale e la forte capacità di stupire senza sensazionalismi.

Nora En Pure è un universo sfaccettato, un essere umano dotato di una speciale sensibilità ed empatia. La prima cosa che senti sedendoti accanto alla disc jockey svizzero-sudafricana è una spiccata umanità, nella sua accezione più profonda. Un modo di osservare il mondo da un punto di vista personale, che rende inevitabilmente la sua musica un territorio inesplorato nella quale le definizioni perdono di significato.

Dentro le linee melodiche tracciate da strumenti tradizionali come il pianoforte o gli archi, si stagliano ritmi deep house che ridefiniscono il concetto stesso di dance. Qualcuno definirebbe la musica di Nora troppo emotiva , troppo melodica per la pista da ballo eppure Nora è riuscita a conquistare le console dei più grandi club e festival del globo.

Forse perchè in mezzo all’esigenza della frenesia notturna, l’artista non abbatte o demolisce il suo profondo senso spirituale e rende l’esperienza musicale un viaggio dentro equilibri fragili. Quello tra emotività ed energia, tra composizione e produzione, tra astratto e concreto. In un luogo magico e fatato, in cui la natura diventa non solo palcoscenico ma protagonista della scena. Nella sua musica ci sono i suoi valori, le sue passioni, la sua umanità.

Tutto questo è Nora En Pure. Ne abbiamo voluto parlare con lei, in una chiacchierata emozionante e ricca di contenuti. Buona lettura!

itsaknightlifes Photo Credit

Ciao Nora En Pure. Benvenuta su Parkett, è un piacere averti come nostra ospite. Inizio col chiederti come stai e come hai vissuto quest’ estate senza limitazioni.

Grazie per avermi con voi! Sono verso la fine del mio tour estivo, che mi ha tenuto estremamente impegnata. Lo scorso fine settimana ho suonato a Portland, Vancouver, Calgary e Las Vegas. Molti voli e non molto sonno, ma è davvero fantastico non avere restrizioni di viaggio e poter suonare di nuovo, in particolare il Canada che era fuori dalla mia mappa per oltre due anni e mezzo ormai.

Vorrei partire dalle tue origini musicali. Vorrei sapere qual è stato il momento in cui hai capito che la musica sarebbe stata la tua ragione di vivere.

È difficile individuare un momento esatto, ma ad un certo punto nel 2012/13 hanno iniziato ad arrivare richieste di booking e ho iniziato a fare un po’ di tour. Onestamente non pensavo che si sarebbe trasformato in qualcosa di reale, ho pensato che probabilmente avrei suonato solo qualche set qua e là e basta! Ha bisogno di molto lavoro, fortuna, tempismo eccezionale, persone che credono in te ecc. per farcela davvero, o almeno allora ne avevi bisogno. Da quel momento, ci è voluto un sacco di dedizione per andare in tour e suonare per club semivuoti mentre viaggiavo da sola, ma ho deciso di dare il massimo. Sono molto contenta di averlo fatto.

La tua musica viaggia su un equilibrio sottile e spesso difficile da mantenere: quello tra due concetti molto importanti nella nostra vita: energia ed emozione. Innanzitutto cosa significano questi due elementi della tua vita e come riesci a trasformarli in musica?

Lo vedo esattamente allo stesso modo, è una linea molto sottile per combinare emozione ed energia/potere nel modo giusto. La mia musica è piuttosto emozionante per essere “musica da ballo”. Ma alla fine faccio quello che sento e penso ad un’immagine più grande della semplice musica dance o della folla davanti a un DJ. Mi piace l’idea di pubblicare un’opera che sarà lì per sempre e chiunque nel mondo possa ascoltarla e rimanerne commossa. Spero sempre di evocare emozioni nell’ascoltatore e spero che la mia musica ci aiuti a sfuggire a preoccupazioni e stress inutili. Per le tracce più progettate per i club, scelgo sempre con cura la linea di basso e la cassa per assicurarmi che la traccia riceva la giusta energia.

Tania Hauyon Photo Credit

Ho letto in un’intervista che Nora En Pure non si considera una persona molto cittadina, o meglio, che non ami troppo le grandi città. Quali sono i luoghi in cui trovi ispirazione e dove ti rifugi per creare?

In generale, la natura. Non è solo la fonte della mia ispirazione, ma anche il motivo e ciò di cui ho assolutamente bisogno per mantenere un equilibrio tra i tour frenetici. Il Sudafrica (la mia patria) è il mio posto preferito in cui stare. Mi sento così vivo nella boscaglia, riconnettendomi con la natura ed essendo circondata dalla fauna selvatica. Mi piace molto anche l’oceano e la sensazione che provo in sua presenza.

Nora En Pure

Le tue produzioni si arricchiscono di suoni eterei e celestiali melodie al pianoforte. Come si è evoluta la tua strumentazione negli anni e di quali apparecchiature non puoi fare a meno in fase di produzione?

Il mio sound è decisamente più musicale della normale musica dance. Mi è sempre piaciuto un approccio organico, ma la musica si è decisamente evoluta nel corso degli anni. Qualche anno fa facevo anche musica un po’ più funky, mentre ora per le versioni NEP mi godo un approccio più elegante e senza tempo. Gli stage più grandi a volte mi fanno andare verso un sound un po’ più progressive. Ma sento che la mia radice, quando mi siedo in studio senza pensare a dove andrà la musica, è una musica molto melodica e rilassante.

I miei strumenti preferiti sono ancora il pianoforte e gli archi (violoncello e violini). Mi piacciono i suoni di trombone e corno per alcuni passaggi epici e potenti. Ho iniziato a usare meno strumenti in un unico pezzo, anche se può diventare troppo sovraccarico e pesante. Una cosa principale che ho sempre avuto nelle mie tracce è cambiare i passaggi. Mi annoio rapidamente e ho bisogno di una progressione di accordi o di elementi e melodie completamente nuovi introdotti nello stesso disco.

Nel 2019 e nel 2020 hai ricevuto il titolo di Best Female Artist all’IDMA. Nora En Pure, come artista donna con un certo potere nella scena elettronica globale, pensi che in questo ambiente ci siano ancora dei limiti nella piena uguaglianza tra artisti di diverso genere?

Dal seguente punto di vista, penso che la comunità della musica elettronica sia o sia diventata molto inclusiva, di mentalità aperta e di supporto. Dipende sempre un po’ in quale spazio ti muovi. Ma tutto sommato, nel momento attuale penso che si riequilibri. Ci sono vantaggi e svantaggi nell’essere una donna in questa scena. È ancora fastidioso quando senti che le donne sono più messe in discussione degli uomini nel loro mestiere solo perché siamo una minoranza, ma sento che tali percezioni provengono da un pubblico più ampio che letteralmente non ha idea della musica elettronica.

D’altra parte, in questo momento le donne hanno un modo più semplice per attirare l’attenzione ed essere prenotate a causa dei social media e dei promoter che vogliono ottenere un certo rapporto. Sfortunatamente, anche questo senza alcun talento musicale o duro lavoro. Reputo davvero questa la strada sbagliata da percorrere e quindi controproduttiva verso l’obiettivo di essere trattati e percepiti come uguali, presi sul serio per il proprio lavoro. Credo sempre che tutti dovrebbero avere le stesse possibilità e lasciare che il lavoro, la passione, la dedizione, l’impegno e il talento parlino da soli.

Nello sviluppo delle tue canzoni, oltre al tuo stile inconfondibile, assume grande importanza anche l’elemento vocale. Come selezioni i cantanti con cui collabori e quanto pensi che questa scelta possa incidere sul successo di un brano?

Di solito mi fido delle tracce strumentali per esprimere o trasmettere emozioni da sole, ma alcune parti vocali funzionano bene. Del  mio recente brano “Us”, ad esempio, mi è piaciuta l’emotività della voce. Spesso cerco voci calde che si adattino perfettamente al mio paesaggio sonoro. Se la voce è l’elemento principale del disco, ovviamente, decide praticamente sul successo del brano. Ma a volte ho ancora anche un forte ruolo di pianoforte che condivide poi il ruolo principale con la voce, come ad esempio in “In Your Eyes”.

Una questione a cui sei particolarmente sensibile è la protezione degli oceani. Oggi stiamo vivendo una situazione di vera emergenza climatica. Vorrei chiederti come provi nel tuo piccolo ad avere uno stile di vita eticamente sostenibile e se credi che con la tua collaborazione “Beneath The Waves” abbia reso i tuoi ascoltatori consapevoli di questo problema?

Come DJ, ovviamente non sono il modello perfetto a causa del modo in cui viaggio e uso la tecnologia per lavoro, ma voglio assicurarmi, dove posso, di dare un contributo al pianeta. Con questa partnership, stiamo cercando di aumentare la consapevolezza e i fondi per i loro progetti di ricerca per preservare i nostri oceani. Se tutti gli umani facessero un po’, sarebbe incredibile, senza i nostri oceani non sopravviveremmo.
È onestamente una questione di tempo, è necessario agire ora, quindi è nel nostro migliore interesse salvare l’equilibrio naturale ed avere un impatto positivo. Al di là di ciò che significa per noi umani, mi preoccupo così tanto degli animali e dei loro habitat naturali. La distruzione che abbiamo causato (e continuiamo a fare) è difficile da guardare.

Ogni volta che ascolto la tua musica, personalmente provo un distacco dal resto del mondo, come se mi stesse trasportando in una dimensione immateriale. Per Nora En Pure quanto è importante la spiritualità o, se non proprio questo, allontanarsi dalle cose materiali per stare bene?

È fantastico da sentire, e ciò per cui mi sforzo davvero. Mi sento al meglio in assoluto quando sono lontano nella natura selvaggia, sentendomi tutt’uno con la natura e prendendo una pausa dalla vita frenetica. Le cose materiali non significano quasi nulla per me a meno che non siano pratiche. Ciò che mi appaga sono le esperienze. Penso che il tempo, la vita consapevole e il dono siano il lusso più grande. Faccio del mio meglio per catturare quei sentimenti “veri” all’interno della mia musica e condividerli con l’ascoltatore. Li chiamo veri perché credo che questi siano i sentimenti che sono davvero vicini alle nostre origini umane piuttosto che a ciò che ci viene suggerito oggigiorno dal disordine materialistico che riempie le nostre vite di “felicità”.

Ultima domanda. Cosa ti aspetti dal futuro e quali sono i desideri che non hai ancora esaudito musicalmente parlando (se ce ne sono)?

Non ho desideri insoddisfatti. Ho visioni del marchio, dell’etichetta, dei miei eventi, alcune più realistiche altre meno. Sono grato di poter seguire queste idee e avere sempre qualcosa su cui lavorare.

ENGLISH VERSION

Hello Nora En Pure. Welcome to Parkett, it’s a pleasure to have you as our guest. Let me start by asking you how are you and how you are living this summer without limitations.

Thank you for having me! I am towards the end of my summer tour, which has been keeping me extremely busy. This last weekend I played in Portland, Vancouver, Calgary and Las Vegas. Lots of flying and not a lot of sleep, but really is great to not have travel restrictions and get to play all over again, especially Canada which was off my map for 2.5 years now.

I’d like to start from your musical origins. I would like to know what was the moment when you realized that music was going to be your way to life.

It’s tricky to pinpoint an exact moment, but at some point in 2012/13 booking requests started to come in and I began touring a little. I honestly didn’t think it would turn into anything real, I thought I would probably just play a few sets here and there and that would be it! It does need a lot of work, luck, great timing, people who believe in you etc. to actually make it, or at least back then you needed that. From that point, it took a lot of dedication to tour and play for half empty clubs while travelling on my own, but I decided to give it my all. I am very glad I did.

Your music travels on a subtle and often difficult to maintain balance: the one between two very important concepts in our lives: energy and emotion. First of all, what do two elements in your life mean and how do you manage to turn them into music?

I see that the exact same way, it’s a very fine line to combine emotion and energy / power the right way. My music is quite emotional for being “dance music”. But I do what I feel in the end and think of a bigger picture than just dance music or the crowds in front of a DJ. I like the idea to put out work that will be there forever and anyone in the world can listen to it and might be moved by it. I always hope to evoke emotion in the listener, and hope my music helps us to escape unnecessary worries and stress. For the tracks that are more designed for the clubs, I always carefully choose the bassline and kick to make sure the track does get the right energy.

Nora En Pure

Andrè Musgrove Photo Credit

I read in an interview that you don’t consider Nora En Pure a very citizen person, in the sense that you don’t love big cities too much. What are the places where you find inspiration and where you take refuge in order to create?

In general, nature. It’s not only the source of my inspiration but also what grounds and what I absolutely need to maintain a balance in between the busy touring. South Africa (my homeland) is my favourite place to be. I feel so alive out in the bush, reconnecting with nature and being surrounded by wildlife. I also really like the ocean and the feeling I get in her presence.

Your productions are enriched with ethereal sounds and celestial melodies on the piano. How has your instrumentation evolved over the years and what equipment you can’t do without during the production phase?

My sound is definitely way more musical than your normal dance music. I always liked an organic approach but the music definitely evolved over the years. I also used to do a bit more funky music a few years back while I now for NEP releases do enjoy a more classy and timeless approach. The bigger stages make me sometimes go a little more progressive. But I feel my root, when I just sit in the studio without thinking where the music will go, is very melodic, chill music. My go to instruments are still the piano and strings (cello and violins). I like trombone and horn sounds for some epic and powerful passages. I started to use less instruments in one piece though as it can get too overloaded and heavy. A main thing I’ve always had in my tracks are changing passages. I quickly get bored and need a chord progression or completely new elements and melodies introduced throughout the same record.

Alive Coverage Photo Credit

In 2019 and 2020 you were awarded the title of Best Female Artist at the IDMA. As a female artist with some power in the global electronic scene, do you think that in this environment there are still limits in the full equality between male and female artists?

From a following perspective I think the electronic music community is or has become very inclusive, open minded and supportive. It always depends a little in which space you are moving. But all in all, in the current time I think it balances out. There are advantages and disadvantages being a female in this scene. It’s still annoying when you feel that females are more questioned than men in their craft just because we are the minority, but I feel such perceptions come from the wider audience that literally has no idea about electronic music. On the other hand, right now females have an easier way to get attention and being booked due to social media and promoters wanting to get a certain ratio. Unfortunately, this also without any musical talent or hard work which is really the wrong way to go and so counterproductive towards the goal of being treated and perceived as equals, taken seriously for your work. I always believe everyone should get the same chance and let the work, passion, dedication, effort and talent speak for itself.

In the development of your songs, in addition to your unmistakable style, the vocal element also takes on great importance. How do you select the singers you collaborate with and how much do you think this choice can affect the success of a track?

I usually trust instrumental tracks to express or carry emotions on its own, but certain vocals work nicely.
My recent track ‘Us’ for example, I liked the emotionality of the vocal. I’m often looking for warm voices that fit right into my soundscape. If the vocal is the leading element in the record of course it pretty much decides over the success of the track. But I sometimes still have a strong piano lead as well which shares then the lead with the vocal like for example in ‘In Your Eyes’.

One issue you are particularly sensitive to is the protection of the oceans. Today we are experiencing a truly climatic climate emergency situation. I would like to ask you how do you try in your little one to have an ethically sustainable lifestyle and if you believe that with your partnership “Beneath The Waves” has made your listeners aware of this issue?

As a DJ, of course I am not the perfect role model due to the way I travel and use technology for work, but I want to make sure where I can that I give back to the planet. With this partnership, we are trying to raise awareness and funds for their research projects to conserve our oceans. If all humans did a little, it would go a long way… and without our oceans, we will not survive.
It is honestly a question of time, action is needed now, so it is in all our best interests to save it and have a positive impact. Above what it means to us humans, I just care so much about animals and their natural habitats. The destruction we have caused (and keep on doing) is hard to watch.

Every time I listen to your music, I personally feel a detachment from the rest of the world, as if it were transporting me into an immaterial dimension. For Nora En Pure, how important is spirituality or if not precisely that, getting away from material things to feel good?

That is great to hear, and what I really strive for. I feel my absolute best when I am away in the wilderness, feeling at one with nature and having a break from the busy life. Material things mean almost nothing to me unless they are practical. What fulfils me are experiences. I think time, conscious living and gifting is the biggest luxury. I do my best to capture those “true” feelings within my music and to share with the listener. I call them true as I believe these are the feelings which are really close to our human origins rather than what we get suggested nowadays through materialistic clutter filling up our lives with “happiness”.

Last question. What do you expect from the future and what are the wishes that you have not yet fulfilled musically speaking (if any)?

I don’t really have unfulfilled wishes. I have visions of the brand, of the label, of my events, some more realistic some less J I’m grateful I can follow these ideas and always have something I can work towards.