eight + two =

Pfirter approda sulla Odd Even, label tedesca, con Endless EP, 5 tracce che ondeggiano tra tamburi ipnotici e suoni metallici modulati.

Il DJ e produttore argentino di base a Barcellona Juan Pablo Pfirter è pronto a far uscire la sua quinta release del 2020. Di certo Pfirter non ha bisogno di presentazioni. Ormai sulla scena elettronica da quindici anni, è riuscito a dare un’ impronta al suo suono, un tocco personale ad una techno che diventa riconoscibile, in bilico tra sassate e calci duri e riverberi profondi e modulati. Il tutto coperto da un cielo oscuro.

Pfirter

Endless EP Tracklist:

1 – Through My Window

2 – Last Breath

3 – Endless

4 – Certain

5 – Release

Non sappiamo cosa vede Pfirter dalla sua finestra a Barcellona, probabilmente una panoramica dell’Africa tra miniere di metalli rari e le danze tribali delle tribù indigene. Visione riassunta nella prima traccia Through My Window. Mentre in Last Breath ti manca veramente il respiro, tanto serrato è il ritmo tra fascia alta e bassa. Senti quasi i sintetizzatori urlare.

Anche il ritmo di Endless, la title-track, non è da meno, ma l’accordo ripetitivo penetra nelle distorsioni e le percussioni rimbombano. Certain, la quarta traccia dell’EP è quella che rispetta di più i canoni della techno, gira come una macchina ben oliata. L’ultima traccia, Release, parte molto pulita con una bella cassa dritta poi ci pensano i synth a sporcare (non rovinare) il suono, per sfumarlo verso la fine. Un bel racconto ipnotico dal primo all’ultimo secondo.

Ascoltiamo assieme, allora, la traccia premiere estratta da Endless EP che uscirà in vinile il 29 settembre 2020 ed in digitale pochi giorni dopo:

Ma Pfirter non è solo DJ e produttore. Nel 2006 nasceva la sua etichetta, MindTrip, un nome che dice tutto. Diventata presto un faro nelle musica elettronica, è utilizzata sia da Pfirter come piattaforma personale di atterraggio per la propria produzione, sia come piattaforma di lancio per alcuni dei suoi più cari amici come Dold, Fanon Flowers, Stanislav Tolkachev, Astronomical Telegram, Jonas Kopp ed molti altri.

Leggi anche: Pfirter: “La musica è la forma più profonda di meditazione”, la nostra intervista di qualche tempo fa proprio a Pfirter.