eighty four − eighty one =

Robert Hood, icona della techno made in Detroit e pioniere delle sonorità minimal techno, debutta come solista sulla Rekids di Radio Slave con un EP che sostanzialmente lancia il suo nuovo LP, in arrivo in inverno.

Robert Hood, tra le figure artistiche più apprezzate, influenti, costanti e prolifiche del panorama di musica elettronica internazionale, ha pronto un nuovo album. Oltre al fatto che verrà pubblicato durante il prossimo inverno, di questo inedito full-lenght purtroppo non si sa ancora nulla.

La novità, però, riguarda un EP firmato dallo stesso Robert Hood e la cui uscita è prevista per il prossimo 9 ottobre sulla Rekids di Matthew Edwards, meglio conosciuto come Radio Slave. L’EP si intitola “Nothing Stops Detroit” (che è anche il titolo della traccia d’apertura) e consiste di quattro tracce inedite. Trovate la tracklist in conclusione di articolo.

Per Hood si tratta di una sorta di debutto assoluto, in quanto su Rekids era fino ad ora sbarcato “solo” come remixer della celebre “Don’t Stop No Sleep” di Radio Slave.

QUI è possibile ascoltare le anteprime delle quattro tracce, che riflettono in modo evidente il lato più crudo, “antico” e detroitiano di Robert Hood. Si può parlare di un apparente ritorno alle origini che non lascia spazio a compromessi, anche se sarà il caso di aspettare l’uscita ufficiale, il prossimo 9 ottobre, per giudicare un EP che si preannuncia caldissimo e che precede un album che suscita ancor più attesa e interesse.

QUI, invece, il nostro approfondimento su un’icona, una vera e propria leggenda vivente e in piena attività della techno mondiale. E non solo.

Tracklist
A1 Nothing Stops Detroit
A2 7 Mile Dog
B1 Ignite A War
B2 The Cure