− two = one

Il Covid-19 ha anticipato la chiusura di Red Light Radio dopo averci tenuto compagnia per ben nove anni.

Red Light Radio è una web radio e una piattaforma artistica internazionale che si trova nel quartiere a luci rosse di Amsterdam. Dal 2010 si è affermata nel promuovere DJ ed organizzare eventi e festival; molto importante è infatti la sua collaborazione con Dekmantel e con altri importanti promoter di tutto il mondo, vantando un ruolo da protagonista anche durante l’Amsterdam Dance Event. Red Light Radio ha aiutato molti di questi a consolidare la loro presenza mediatica e a creare contenuti di qualità.

Non è un dramma. Questo quanto si evince dal comunicato che lo staff di Red Light Radio ha da poco pubblicato sulla sua pagina e che potete leggere QUI. Da quanto scritto infatti, lo staff sapeva che lo stabile sarebbe prima o poi stato convertito in appartamenti, come ahinoi succede molto spesso nelle grandi città del nord Europa, e che una ricollocazione sarebbe stata necessaria. La scelta della proprietà di anticipare i lavori è avvenuta purtroppo a causa dell’avvento del virus e non è in nessun modo biasimabile, tutti gli affittuari che occupavano la palazzina in Odekerksplein ad Amsterdam dovranno trovare una nuova sistemazione.

Fortunatamente c’è già una nuova location e lo staff si sta preparando, insieme a Red Light Records, Voyage Select e Knekelhuis a muoversi all’RLR AMS Shop in Oudezijds Achterburgwal 133 (Amsterdam).

Red light Radio 1

L’avventura di Red Light Radio iniziò nove anni fa quando lo spazio venne affittato per un pop-up store di soli tre mesi. L’intraprendenza, la passione dei fondatori e, soprattutto, degli artisti coinvolti hanno dato vita a qualcosa di unico che indubbiamente mancherà a tutti noi.

La radio ha ospitato show di ogni genere e levatura, dall’indie rock a sessioni unplugged, passando nemmeno a dirlo per generi come elettronica, techno, afro… Ha dato spazio a rinomati big quali il poliedrico San Proper, a pilastri dell’underground berlinese come i ragazzi di Slow Life, passando per l’electro di Detroit con Stingray e Object.

Il team di Red Light Radio ha dato spazio agli amanti della musica: l’importante per partecipare ad uno show era soddisfare questo comune denominatore e, proprio grazie a questa caratteristica essenziale, molti ragazzi hanno avuto l’opportunità di esibirsi e farci godere del loro gusto musicale.

La notizia che più ci fa male è che il 27 Giugno sarà la data dell’ultimo streaming di Red Light Radio. Questo fatto lascia qualche perplessità sui motivi che purtroppo non sono stati comunicati. Per supportare il progetto Red Light Radio e ascoltare l’intero repertorio vi invitiamo a cliccare QUI.

Francesco Salvadori