eighty six − seventy seven =

Robert Hood ritorna con le ristampe dei suo lavori più celebri. Il mese prossimo tocca ad un EP del 1998.

“Underestimated” è l’EP che uscirà il prossimo 12 marzo. Si tratta di uno dei lavori dell’artista di Detroit che maggiormente rappresentano la sua visione techno-minimalista, di cui è uno dei maggiori esponenti mondiali.

La ristampa non è un evento casuale. Nasce infatti con una serie che prevedeva di ripubblicare e rimasterizzare i primi classici della discografia di Hood. Denominata “Perpetual Masters”, nasce nel 2009 ma si interrompe, purtroppo, troppo presto nel 2014 con  “Movable Parts Chapter 1” del 1995 e “Protein Valve” del 1994.

“Underestimated” verrà rilasciato sia in versione digitale che in vinile con la label dello stesso Hood, M-Plant

Tracklist:

  1. Black man’s word
  2. Sleep is the cousine of deat
  3. Hard to Kill

Di seguito un’ anteprima delle tre tracce.

Il suo ultimo lavoro inedito, risale allo scorso novembre, Mirror Man rilasciato con l’etichetta Rekids del DJ e produttore Radio Slave. Ve ne parliamo in maniera più approfondita QUI.