five + four =

Il giradischi Saturn ricorda, disegnato e realizzato da Elham Mirzapour, ha un supporto per la testina a forma di Titano, la Luna orbitante.

Nel momento in cui le vendite del vinile ha raggiunto nuovamente l’apice, sia per la qualità del suono sia per la bellezza oggettiva dei dischi stessi, anche il mercato dei supporti audio vede una certa evoluzione: da soluzioni che mirano ad ingraziarsi una platea di professionisti e audiofili (come nel caso dei Technics SL-1500 C) a quelli per un uso più pratico ed un buon contenuto estetico fino alle soluzioni per ascolti “spaziali”.

Non parliamo di future forme di intrattenimento per gli astronauti in orbita ma un nuovo modello di giradischi disegnato e realizzato dalla designer Elham Mirzapour, nominate “Design Hero” da A’Design Award & Competition e presentato dal magazine Yanko Design.

 

Questo giradischi si chiama “Saturn” e non è difficile capirne il perché: la base il piatto dove viene poggiato il vinile, viene sovrapposto da una semisfera di colore arancione che ha la funzione di speaker e che visivamente sembra proprio Saturno visto dall’alto.

Collegato a Saturno c’è una massa semisferica alla quale è connessa la testina e che raffigura Titano, la Luna più grande orbitante attorno al pianeta. Una struttura apparentemente complessa ma caratterizzata da un’incredibile semplicità d’uso. Basta sollevare la semisfera del pianeta, poggiare il disco, riposizionare la semisfera ed avviare la leva con Titano, facendo attenzione ad aver selezionato l’orbita giusta!

Realizzato in plastica, Saturn è dotato di due motori dedicati all’avviamento e alla corretta sincronizzazione dei movimenti della testina per far sì che la qualità della riproduzione sia costante e consistente. Un prodotto davvero unico per gli amanti dell’ascolto della musica in vinile grazie al lavoro di una designer che ha saputo coniugare con stile la passione per la musica e quella per l’astronomia e che ci permette di fare un viaggio interstellare con i nostri dischi preferiti.