forty eight + = forty nine

Sony, la casa produttrice Giapponese, ha presentato il nuovo Walkman all’Ifa, la Fiera Tecnologica di Berlino, sotto il nome NW-A100TPS, ed emula, ma solo dal punto di vista estetico, lo storico TPS-L2.

Sembra ieri, ma in realtà sono trascorsi 40 anni dal lancio di uno dei devices che hanno rivoluzionato il modo di fruire la musica e che è diventato uno degli oggetti simbolo degli anni ’80:  il Walkman, che sarebbe diventato una delle creazioni tecnologiche di maggiore successo.

La casa produttrice Sony introdusse sul mercato il primo modello l’uno luglio 1979.

Aveva un fascino particolare, dato dal fatto di poter ascoltare in qualsiasi luogo ed in qualsiasi momento la musica del cuore senza doverla necessariamente condividere con chiunque. Un’idea rivoluzionaria e molto romantica che ebbe uno straordinario successo. Era dotato di due jack, in modo che due persone potessero ascoltare nello stesso momento. Ci si poteva finalmente isolare dal mondo circostante in compagnia dei propri autori preferiti.

Poche le specifiche tecniche rese note. Il nuovo walkman NW-A100TPS, naturalmente, non può accogliere le musicassette, ma il movimento del nastro è simulato da una serie di screensaver che cambiano colore a seconda del formato in uso. Ad esempio viola per FLAC, ALC, APE e MQA; blu per MP3, AAC, MWA a 256 kbps; marrone per AIFF; bianco per DSD e così via. Ed inoltre viene mostrato il titolo della canzone e l’autore. È possibile anche ascoltare musica in streaming. Questi dati appaiono su un display HD da 3.2 pollici. Pare abbia una autonomia di 26 ore, e può essere ricaricato con cavo  USB – C, previsto anche il supporto audio hi-res (DSD 11.2 MHz/PCM Conversion) e spazio di archiviazione di 16 GB. È provvisto di un portacuffie.

Il primo modello venne lanciato in Giappone e venduto ad una cifra che si aggirava attorno ai 150 dollari. Successivamente arrivò anche negli Stati Uniti.  Quello appena presentato verrà distribuito in Italia in edizione limitata a partire da novembre ad un costo di circa 440 euro. Il Walkman segnò letteralmente un’epoca, e ne danno testimonianza alcune famosissime pellicole. Una su tutte, Il Tempo Delle Mele. L’iconico oggetto compare nella scena in cui Sophie Marceau ascolta musica romantica nella confusione di una festa assieme al suo fidanzato. Film degni di essere citati sono anche Ritorno al Futuro e Pretty Woman. Sopravvissuto a varie epoche, il Walkman conosce però il suo declino con l’avvento della musica digitale e dell’Ipod, entrando in quasi totale disuso nel 2010.