7 + one =

L’artista britannico Aphex Twin svela finalmente il significato degli emblematici cartelloni apparsi nei giorni scorsi.

Da sempre considerato uno dei migliori performer mondiali, Aphex Twin è un vero e proprio pioniere della musica elettronica. Le sue rare esibizioni sono degli assoluti capolavori, in cui visual, suoni e tecnica si fondono creando uno spettacolo unico nel suo genere.

Come vi avevamo già anticipato nelle scorse settimane (leggi il nostro articolo qui), Aphex Twin ha attirato l’attenzione dell’intero panorama musicale mondiale. I cartelloni, piazzati in tutto il mondo, vedevano il nome dell’artista irlandese affiancato a quello di Novation, uno dei marchi più noti nel settore dell’industria musicale. Dopo qualche giorno il mistero sembra essersi risolto con il lancio del nuovo sintetizzatore “AFX Station”.

Nata dalla collaborazione tra Aphex Twin e Novation, AFX Station non è altro che un’edizione limitata (e migliorata) della normale Bass Station II di Novation. L’AFX Mode, vero plus di questa rivisitazione, dà la possibilità di avere 128 nuove synth patch e 7 overlay bank con i suoni di artisti come Richard Devine e Lightbath.

Oltre ai dettagli viola e bianchi, che vanno a sostituire l’azzurro della Bass Station II normale, l’AFX Station vede inserito anche il logo di Aphex Twin, a marchiare una collaborazione di due vere e proprie eccellenze nel proprio campo.La scatola di AFX Station è stata realizzata e curata nei minimi dettagli da Weirdcore, visual artist che da anni collabora con Aphex Twin per quanto riguarda la parte visiva delle sue esibizioni. Oltre alle numerose collaborazioni con il performer irlandese, Weirdcore ha lavorato con altri artisti come i Radiohead o i Tame Impala, oltre ad aver collaborato con colossi come Sony Music e, ovviamente, Ninja Tune.

AFX Station è acquistabile già oggi cliccando qui.

Per chi volesse saperne di più, ecco il video di presentazione di AFX Station.

(NON adatto alle persone con epilessia fotosensibile.)