fifty eight + = sixty five

I British Murder Boys annunciano la riedizione digitale del loro primo EP omonimo, contenente anche una versione inedita di “Death Before Surrender”.

I British Murder Boys rappresentano un’oasi di qualità e originalità nella scena techno. Il duo è composto da Surgeon e Regis, al secolo Anthony Child e Karl O’ Connor. Entrambi appartenenti alla scena inglese di Birmingham. Entrambi con una carriera solista importante alle spalle.

Il progetto nasce intorno ai primi anni 2000 dopo vari incontri e collaborazioni tra i due. La fondazione dei British Murder Boys diventa un atto alternativo, quasi di ribellione. Se il nome viene scelto quasi ad emulare i gruppi pop britannici, i contenuti musicali sono lontani dall’origine musicale dei due, che affermano che il progetto sia nato da un senso di frustrazione verso la techno stessa.

I British Murder Boys nascono da tanti elementi. L’influenza inglese, quella che potrebbe essere definita la profonda britannicità di entrambi, e da quell’attrazione verso lo scenario punk rock anni ’80.

La loro musica è un concentrato di Detroit techno unito a un modo di concepire la produzione schematico.

Non ci sono melodie ma linee di synth dritte. Un suono tra il drum-funk e la trip techno. Gli stessi live dei British Murder Boys sono un mix tra live act e DJ set convenzionale. Un’esperienza stravolgente arricchita da un sapiente abuso delle tecnologie più moderne per le loro performance.

Dopo l’attività discografica intensa che li vede impegnati fino al 2012, con l’uscita di numerosi EP di successo, tra i quali vogliamo ricordare “Don’t Give Way to Fear”, “Learn your Lesson” “Fist / Splinter”, e numerosi live in giro per il mondo, i British Murder Boys annunciano lo scioglimento del progetto con l’ultimo show a Tokyo.

La storia del duo sembrava essere giunta al capolinea. E invece l’anno scorso sono tornati con la raccolta “Fire In The Still Air”. In questa raccolta i due pilastri di Birmingham hanno raccolto tanti dei loro successi più celebri come ad esempio  “Hate Is Such a Strong Word” e “As Above So Below”.

Oggi, tramite i loro canali ufficiali, è stata resa nota la riedizione digitale del disco omonimo, con cui i due DJ hanno esordito insieme nel 2001 e che ha dato il via al loro sodalizio, che conterrà appunto una rivisitazione di una delle loro tracce iconiche, “Death Before Surrender”.

Il 12″ dei British Murder Boys rivive quindi in una nuova veste le proprie origini e ci aspettiamo porti con sé le novità e le sperimentazioni tipiche del duo britannico.