seventy seven − seventy two =

Gui Boratto affida l’annuncio ad un post Instagram, dandoci i dettagli della nuova serie per Kompakt Records.

Gui Boratto è uno dei nomi caldi della musica house e techno di oltre oceano. Di origini brasiliane (San Paolo), Gui non è solo un DJ e produttore ma anche musicista, compositore ed architetto. Tutte queste esperienze lo hanno reso famoso nel 2007 con la pubblicazione per Kompakt Records dell’album “Chromophobia“, eletto album del mese da Mixmag.

Un aneddoto sul nome di quest’album vuole che Boratto abbia scelto questa parola riferendosi al monocromatismo in architettura che richiama la semplicità cromatica e, con un punto di autoironia, definisce la sua musica davvero piena di colori. E ne possiamo davvero avvertire la ricchezza cromatica in una delle tracce più note dell’album, “Beautiful Life”.

Dalla pubblicazione di “Chromophobia”, Gui è diventato un membro o meglio una colonna portante della famiglia Kompakt, diventando presto uno degli artisti brasiliani più amati e seguiti nel panorama della musica elettronica internazionale.

Pochi giorni fa, in un post del suo profilo Instagram, Gui Boratto annuncia un nuovo progetto per Kompakt Records intitolato “Backstage”.
Il progetto nasce da un live set registrato a Giugno nel suo studio di San Paolo, durante il picco del lockdown attualmente ancora in corso in Brasile. Il set si contraddistingue per il carattere rinnovato di alcune delle sue tracce più conosciute, insieme a musica non ancora rilasciata dimostrando come questo nuovo lavoro sia tutta la raccolta delle caratteristiche tecniche e compositive di un artista che negli anni è sempre stato amato dal suo seguito.

Segue che il progetto coincide con la release del nuovo EP intitolato “Wake Up“, composto da tre tracce. Proprio nella traccia che da il nome all’EP la moglie di Gui, Luciana Villanova, conduce la parte vocale con la morbidezza e delicatezza che ricorda le tracce di “Chromophobia” . Tutte le tracce del nuovo EP sono contenute nel live mix registrato nello studio di San Paolo.