sixty three + = sixty eight

It’s an honor for us having on Parkett an artist who we appreciate and support as a great inspiration. He does not need any presentation, we are thrilled for having the chance to make this interview: Jeff Mills.

From “Metropolis” to “Man from Tomorrow”, tell us how your artistic horizons went throughout your sensations and verged on cinema so sharply.

Back towards the end of last Century, I was convinced that Techno Music had achieved a significant amount of progress from the time of its origns of the early to mid-1980’s. I thought that we had all heard enough of what Techno sounds like, and maybe it was time to discover what Techno looks like – that maybe Techno artists should consider showing more about our genre in ways that could translate (along with Music), the messages that we’re always trying to convey. After many conversations with fellow artists, it became clear that we all needed to have a working example – something that we can all look at and that might spur others to consider these aspects when creating. In 1999, I released a CD album entitled “From The 21st”. It was an album dedicated to, what I believed, would be the essential element that we may have to consider after the turn of the Century. The album artwork was as minimal as I could make it. Mainly colored dots on various colored backgrounds. My objective was show that each and every one of us have something to contribute to the World we all live in and that how we see and distinguish would be important. By showing nearly nothing emphasized the act of mentally composing to see what the mind is rationalizing. Was it the colored dot or the background the viewer noticed most? Was there something alien in the composition of the image? What was the relation – between scale, color, contrast, etc.

From there, I composed a soundtrack for Frtz LangsMetropolis and started working with moving images more throughout the decades til now.

Talking about “When Time Splits”: February 6th a great show went on stage at the Auditorium of the Louvre Museum, featuring you and the pianist Mikhail Rudy. Together you played the soundtrack of the movie “L’ Enfer” by Henri-Georges Clouzot. Can you describe us what this is about? What is the meaning of the picture in your opinion? 

The project started when I was given a commission to create in the Museum du Le Louvre – a carte blanche. It allowed me to be able to create any type of performance with film in the Auditorium of the Museum as I wished. Shortly after receiving the commission, I contacted Makhail to see of was interested in creating something new. We discussed various concepts and ideas that eventually rested on the idea of that if time could be spilt or the aspects of parallel time, how could this be played out in sound and image. I was offered the usage of the L’Enfer by the director of the auditorium, Pascale Raynaud. She thought it would be the perfect film to use, as it was never released and only rushes of the film exist. Henri-Georges Clouzot died before the film was complete. Being fond of optical art (Opt Art), Clouzot summoned the works of many artists to compose the abstracts parts of the film. Julio le Parc, Victor Vasarely and many others provided works to addressed the more mentally psychadelica. The performance was a success and now Makhail and I plan to perform the concept at various places around Europe this Summer and Autumn.

Remaining in Paris. In 2015 the Louvre Museum made you resident artist of the “Duos Ephemeres”. How did you feel getting such a prestigious recognition?

It’s wonderful. I never thought I would have such an opportunity. I think it really speaks to the ways Electronic Music and artists are evolving. Music is only one aspect of our genre.

Working with philharmonic orchestras, radio, cinema, djing, experimenting, producing , alongside all your musical endeavours. Is this hectic way of doing things that shapes an artist? 

Yes, it’s often hectic, but the thing that ties everything together is Techno Music. I’m always considering how it could be used to help relay the concept or idea. I’ve always worked in this manner of orchestrating many things at the sametime, so its not a struggle. Having a good management of time and great people to work with that understand the concept(s) is essential. My relationship to Time and how to manage it comes directly from the art form of DJing. Knowing when to do what and when is crucial to the process. In a unique way, I work on my career that the same as I do a DJ set. Every thing should be applied in respect to context and moderation.

2001: The Midnight Zone” is a multimedia experience that combines cinema, dancing and music. An extraordinary work, inspired by a sci-fi milestone such as “2001: A Space Odyssey”. Could you tell us more about this project?

I was invited and asked to create a concept in relation to Arthur C. Clarke and Stanley Kubrick’s 2001: A Space Odyssey at the Philharmone – Paris. My ideas to use the film in various ways were denied as the rights owner of Kubrick’s estate has strict guidelines as to what should happen with the film. So, I decided to write a parallel story that takes place in the context of 2001, but not a odyssey in Space, but deep in Earth’s ocean at the level called “The Midnight Zone” A place where light from the Sun does not reach. With a team of 5 dancers, directed by the choreographer Michel Abdoul, the video works of Anita Rivera and Robert Androide, the costumes designs of Marion Moinet, I’m able to create a parallel story that happens at the sametime as Kubrick’s 2001.

I’ve had the opportunity to work with contmeporary dancers in the recent past, but this is first concept of this kind for me. I’m really enjoying it.

Recently the pianist Mikhail Rudy said, referring to you, that in your music he found elements that he felt close to him as an artist. Which are these elements, according to you? What joins classical music to yours?

I feel exactly the same of Makhail’s work as well. I think it’s our individual sentiment and emotion that links our work together and it was this, we quickly recognized when working together. We noticed this in a very natural way because we were both curious to explore.

Jeff Mills is a Techno forerunner that we praise both as an artist and a person. What do you want to say to the younger generation? Do you believe that the combination of Classical and Techno music would be the next step?

I would like to say that there is no correct or normal way to go about in this genre of Music and Art. That each person has the right to do and create whatever they want and whatever they feel is right. They should also know that whenever a conversation goes beyond two people and into attention of audiences and crowds, certain people tend to look at it differently. That a conversations can become probed and scrutinized in order to sway people’s opinions in directions that favor other people’s interested. Balancing this isn’t easy, nor does it come naturally. One can only learn this by being active and exploring new ideas. I think that “Techno and everything” is the next step.

Music keeps changing itself, people want to try and discover new and exciting soundscapes. What future do you think the electronic music will face and what would you do to change it? 

Beyond popular belief, Electronic Music remains suggestive. What acts as somewhat of an insurance that it’ll remain this way is that no one can convincingly say that the genre is one way or the other – that it exists as natural as it evolved. I believe that the future of it depends on the shape and condition of the World we’ll be living in. Through good and hard times, the genre will morph and re-shape itself to adhere to what people need to hear that makes sense of it all. Something of an “all purpose” genre that can address any subject, thought or dream.

June 19th “The Exhibition 2” will go on stage at the Louvre. You will play alongside the Bassist Angie Taylor and Keyboardist Gerald Mitchell. Why did you choose to produce a sequel to the first 2006 work? 

I felt that another examination should happen at the art form of DJing because I can still see that there are apsects that could inform people even more about how and why a DJ does what he/she does. The Exhibitionist 1 DVD explored DJ mixing technique, The Exhibitonist 2 explores the thought process – the aspects that people aren’t able to notice and see or hear. The presentation will be a film introduction to the concept, followed by a live performance example where Angie Taylor and Gerald Mitchell are invited to join perform. I’m greatly looking forward to this as it will be the last and final show of the carte blanche and residency.

ITALIAN VERSION

E’ per noi un onore avere su Parkett un artista che stimiamo e riconosciamo come fonte di grande ispirazione. Lui non ha bisogno di nessuna presentazione; siamo commossi per averci concesso questa intervista: Jeff Mills.

Da ‘Metropolis‘ a ‘Man from Tomorrow‘, raccontaci come si evolvono le tue sensazioni verso il cinema e cosa ha permesso ai tuoi orizzonti artistici di evolversi in maniera così netta.

Verso la fine dello scorso secolo ero convinto che la musica Techno fosse progredita significativamente rispetto alla prima metà degli anni ’80. Pensavo che avessimo tutti idea di come “suonasse” la Techno, e che fosse arrivato il tempo di scoprire cosa rappresentasse visivamente. Pensavo che gli artisti Techno dovessero mostrare più elementi riguardanti questo genere musicale, in modo da traslare (insieme alla musica) i messaggi che cercavamo di trasmettere.

Dopo varie conversazioni con colleghi artisti, divenne chiara la necessità di un’opera esemplare, qualcosa da osservare e che potesse spronare anche altri a considerare questi aspetti durante la produzione.

Nel 1999 rilasciai un album su CD intitolato “From The 21st”: un album dedicato a ciò che sarebbe stato considerato essenziale dopo la fine del secolo. L’artwork dell’album era più minimalista possibile, costituito soprattutto da punti colorati su vari sfondi. Miravo a mostrare che ognuno di noi avesse qualcosa da fornire al mondo in cui viviamo e quanto fosse importante il nostro modo di discernere ed osservare. La scelta di non mostrare quasi nulla enfatizzava l’atto di comporre mentalmente un’immagine di ciò che la mente tenta di razionalizzare: cosa notava di più l’osservatore tra il punto colorato o lo sfondo colorato? C’era qualcosa di alieno nella composizione dell’immagine? Qual era la relazione tra colore, gradazione, contrasto, eccetera?

Successivamente composi una colonna sonora per il film “Metropolis” di Fritz Langs e da lì fino ad oggi iniziai a lavorare con immagini in movimento

Vogliamo parlare riguardo ‘When Time Split‘. Il 6 febbraio scorso è andato in scena un grandissimo spettacolo nell’Auditorium del Louvre, a Parigi, tra Jeff Mills e il pianista Mikhail Rudy, per creare la soundtrack del film ‘L’enfer‘. Vuoi descriverci un po’ di cosa si tratta? Che significato ha per te quel film di Henri-Georges Clouzot?

Il progetto iniziò dopo aver ottenuto una “Carte Blanche” per creare opere nel Museo del Louvre. Mi permise di preparare a mio piacimento qualsiasi tipo di performance audiovisiva nell’Auditorium del museo. Dopo aver ottenuto l’autorizzazione, contattai Makhail per vedere se fosse interessato alla produzione di qualcosa di nuovo. Discutemmo su come traslare in suono ed immagini vari concetti, ricondotti alle idee della partizione del tempo e dell’aspetto di dimensioni temporali parallele. Il direttore dell’ auditorium Pascale Raynaud mi propose di utilizzare il film “L’ Enfer”: la riteneva la soluzione migliore, in quanto ne esistono solo estratti. Il regista Henri-Georges Clouzot morì prima di completare il film. Appassionato di Optical Art (Opt Art) si avvalse dei lavori di molti artisti per realizzare le parti astratte della pellicola: Julio le Parc, Victor Vasarely e molti altri fornirono dei lavori che incrementarono l’effetto psichedelico.

La performance è stata un successo ed ora io ed ora Mikhail ed io stiamo pianificando di riproporre il concept in varie località europee tra l’estate e l’autunno.

Restiamo a Parigi: nel 2015 il Louvre Museum ha nominato Jeff Mills come artista resident del ‘Duos Ephemeres‘. Che emozione hai provato a ricevere un riconoscimento così prestigioso?

E’ meraviglioso. Non avrei mai immaginato di ottenere tale opportunità. Penso che tutto ciò sia prova di come si stiano evolvendo le varie sfaccettature della Musica Elettronica. La musica in sé è solo un aspetto del nostro genere.

L’impegno con le orchestre filarmoniche, gli studi musicali, la radio, il djing, il cinema, la sperimentazione, la produzione. E’ questa frenetica voglia di “fare” che plasma l’artista?

Si, è spesso frenetica, ma la cosa che lega tutto insieme è la musica Techno. Prendo sempre in considerazione come essa possa aiutare a trasmettere il concept e l’idea. Ho sempre lavorato in questa maniera, orchestrando varie cose allo stesso momento, per cui non è un grande sforzo. Saper gestire il tempo a disposizione ed avere la possibilità di lavorare con grandi personalità che riconoscono e comprendono un concept è essenziale. La mia relazione col Tempo e  il modo in cui lo gestisco derivano direttamente dalla forma d’arte del Djing. Sapere cosa fare e quando farlo è cruciale nel processo. Applico il mio modo di gestire i Djset alla gestione della mia carriera. Tutto si dovrebbe applicare secondo contestualizzazione e moderazione.

2001: ‘The Midnight Zone‘, un’esperienza multimediale che raccoglie danza, cinema e musica. Questo straordinario lavoro, una storia fantascientifica, riprende la pietra miliare del cinema ‘2001: Odissea nello spazio‘, film di Stanley Kubrick. Vuoi parlarci di questo progetto?

Mi è stato chiesto di creare un concept relativo all’opera “2001: Odissea Nello Spazio” di Arthur C. Clarke e Stanley Kubrick alla Philharmone di Parigi. Le mie idee per l’utilizzo del film furono bocciate in quanto i detentori dei diritti della pellicola richiedevano il rispetto di rigorose linee guida. E così ho deciso di scrivere una storia parallela che si svolge nel contesto di “2001” ma non nell’odissea nello spazio , bensì nelle profondità dell’oceano terrestre ad un livello chiamato “The Midnight Zone”. Un posto che non viene raggiunto dai raggi del sole. Con un gruppo di 5 ballerini diretti dal coreografo Michel Abdoul, i lavori video di Anita Rivera e Robert Androide, i costumes design di Marion Moinet sono in grado di creare una storia parallela che sia contemporanea a quella del film di Kubrick.

Ho già avuto l’opportunità di lavorare con ballerini di danza contemporanea, ma è il primo concept di questo tipo per me. Mi piace davvero molto.

Recentemente il pianista Mikhail Rudy, parlando di te nel corso di un’intervista, ha detto: “Nella sua musica ho trovato degli elementi che erano molto vicini a me, come artista“. Quali sono secondo il tuo punto di vista questi elementi? Cosa accomuna la tua musica al mondo della musica classica?

Penso esattamente lo stesso riguardo al lavoro di Mikhail. Penso che siano le nostre opinioni individuali e le nostre emozioni a rendere possibile l’ interconnessione del nostro lavoro. Abbiamo notato tutto ciò in una maniera molto naturale in quanto entrambi curiosi di esplorare.

Jeff Mills è un precursore nella scena techno, noi tutti ti stimiamo particolarmente, sia come artista che come persona.  Che messaggio vuoi portare alle giovani generazioni? Credi che la fusione con la musica classica rappresenti un punto di svolta e il futuro di tutta la scena elettronica?

Vorrei utilizzare l’occasione per dire che non c’è un modo giusto di occuparsi di questo genere artistico/musicale. Ognuno ha il diritto di creare ciò che desidera e considera corretto. Dovrebbe essere noto che ogni volta che una conversazione va oltre due persone ed attira l’attenzione di un pubblico, alcuni tendono a considerarla diversamente. Una conversazione può venire esaminata e rielaborata per gestire l’opinione di molti secondo interessi di alcuni. Bilanciare questo né risulta facile, né riesce naturalmente. Lo si impara rimanendo attivi ed esplorando nuovi concetti. Penso che “La Techno ed il Tutto” sia il prossimo passo.

Il mondo della musica è in continuo fermento, c’è un grande desiderio di sperimentare. Come se lo immagina Jeff Mills il futuro della musica elettronica e quali cambiamenti apporteresti?

Al di là di quanto si crede, la Musica Elettronica rimane suggestiva. Una sorta di “garante” di questo effetto è il fatto che nessuno può definire in maniera convincente un genere in un modo o in un altro. Esso esiste secondo la naturalezza della sua evoluzione.

Credo che il suo futuro dipenderà dalla condizione e dalla configurazione del mondo in cui vivremo. Attraverso periodi favorevoli o meno, il genere si deformerà e riformerà sé stesso per aderire a ciò che le persone vogliono ascoltare, in base al senso comune. Come una sorta di genere “omniintenzionale” che può mirare a qualsivoglia tema, pensiero o sogno.

Il 19 Giugno andrà in scena, sempre al Louvre, ‘The Exhibitionist 2‘ con Angie Taylor e Gerald Mitchell. Conosciamo bene il tuo primo lavoro del 2006: cosa ti ha spinto a creare un secondo appuntamento di ‘The Exhibitionist?

Ho pensato che si dovrebbe effettuare un’altra esaminazione della forma d’arte del Djing poiché posso ancora notare sfaccettature che potrebbero arricchire ancor di più la conoscenza delle persone su ciò che un DJ fa e perché. “The Exhibitionist 1 DVD ” ha esplorato la tecnica del DJ mixing. “The Exhibitionist 2” è dedicato al processo mentale, quegli aspetti che le persone non sono in grado di notare, vedere o sentire. La presentazione sarà un introduzione video del concept, seguita da una performance live esemplare dove Angie Taylor e Gerald Mitchell sono invitati a partecipare. Non vedo davvero l’ora della performance, in quanto sarà l’ultimo show della “Carte Blanche” e della residency al Louvre.

Interview Simone Nocentini – Pier Paolo Iafrate

Traduzione Mirno Cocozza