La Jomox, casa produttrice nota per le sue drum machine, rivela un nuovo potente esemplare: la Alpha Base.

L’azienda di strumenti musicali fondata da Jürgen Michaelis che porta il nome “Jomox” ha da poco presentato una nuova drum machine chiamata “Alpha Base”. Jomox è una di quelle aziende che ha una forte reputazione fra i produttori Techno e House per i suoi strumenti dotati di personalità, analogici e molto potenti.

Negli anni, la casa tedesca si è guadagnata un certo rispetto grazie a prodotti come la X-Base 09, la X-Base 888 e X-Base 999. Non solo: molto apprezzate sono anche le varie M-Base 01, M-Base 11 e M-Brane, eccellenti e versatili moduli stand-alone per la sintesi di suoni percussivi e kick. Inoltre, nel repertorio di prodotti Jomox, esistono anche vere e proprie perle al di fuori del formato drum machine, come il portentoso ma impegnativo sintetizzatore SunSyn; il complesso e sperimentale Resonator Neuronium, che prende il nome per il fatto di essere ispirato al funzionamento delle reti neurali; e infine gli indomabili filtri M- e T-Resonator, tanto formidabili quanto prepotenti.

Questa nuova drum machine riparte dalla logica e dalla struttura della fortunata e conosciuta serie “X-base” con ben 11 strumenti creati a partire da un nuovo motore audio, che viene considerato da Jürgen Michaelis uno dei più potenti mai creati.

Oltre al kick analogico, Alpha Base è dotata di due oscilattori M-Brane per la sintesi di suoni più complessi come bassi, tom e tutti gli altri suoni tipici delle drum machine. Abbiamo poi anche sei strumenti basati però su campioni, quali claps, rimshot, hats e piattini vari, dotati di inviluppo ADSR e/o filtri multimode risonanti, di cui quattro dotati anche di capacità di auto-oscillazione, quindi utilizzabili come sorgenti sonore modulabili. Inoltre ci sono due strumenti dotati di input per il campionamento da sorgenti esterne e infine una voce di synth FM dotata di 4 operatori per la sintesi di suoni percussivi.

 

Non è finita, perchè sono disponibili su ogni canale effetti di delay, riverbero e sidechain.

E’ possibile caricare i propri campioni tramite una SD card nella memoria interna, per un massimo di 250 campioni a 16bit e 48khz. La Alpha Base è dotata, oltre che di una uscita stereo, anche di otto uscite indipendenti per processare esternamente tutti gli strumenti della macchina. Sulla macchina troviamo anche un’ingresso stereo per il campionamento di segnali esterni oppure per applicare effetti esterni, porte MIDI in, out e thru, ed una porta USB.

La jomox Alpha Base sarà disponibile sul sito ufficiale Jomox da Luglio 2017 ad un prezzo di 1699€.

Nel frattempo è possibile ammirarla in funzione in questo video girato durante il Superbooth 2017, dove è stata presentata: