− 1 = one

Mattia Trani è protagonista di questo V°episodio del Tell Me Abounless, durante il quale è stato presentato 051 Destroyer, un nuovo progetto tutto electro.

Lo scorso anno abbiamo avuto il piacere di seguire i primi quattro episodi  del “Tell Me Aboundless”. Il format lanciato da Napušten. Una giovane realtà italiana che nell’ultimo biennio ha fatto molta notizia nella scena club italiana.

Abbiamo visto in prima battuta l’intervista più dj set di Kobold, a seguire abbiamo conosciuto Exsiderurgica, mentre nel terzo appuntamento abbiamo avuto il piacere di puntare i riflettori su Kill Ref.

Nel quarto episodio l’attenzione puntava su Scuderia Records. Etichetta indipendente italiana che promuove musica technoindustrial e hardtechno.

Con l’arrivo dell’autunno la scena italiana comincia a scaldarsi e il pubblico ha bisogno di nuovi imput e nuove iniziative da cui farsi coinvolgere.

Ed è proprio seguendo questo mood che la crew ha scelto di ripartire, scegliendo come protagonista del quinto appuntamento del “Tell Me Aboundless”, un nuovissimo progetto lanciato da un interessantissimo artista italiano.

Parliamo di un giovanissimo che rappresenta la voce fuori dal coro della cosiddetta generazione new age. Ovvero, la classe successiva ai pionieri degli anni 90. La generazione che gli anni 90 non li ha vissuti, ma nei quali ci è nata e cresciuta.

Avanti alla telecamera e dietro la consolle del DOT di Perugia, Mattia Trani. Giovane, brillante, ambizioso e italiano. È in questi quattro aggettivi che potremmo riassumere Mattia e il suo percorso rivelatosi davvero singolare.

Tell Me Aboundless #5 – Mattia Trani from Napušten on Vimeo.

051 Destroyer: prende vita la parte electro più nascosta di Mattia

Proprio come citato durante l’intervista, quella tra Mattia e la musica è una lunghissima storia d’amore. Il giovane Trani è infatti cresciuto praticamente tra le braccia della musica. Imparando ben presto ad apprezzarla in tutti i suoi generi e tra le mille sfumature.

È proprio grazie a questa mentalità che il produttore bolognese durante il suo percorso fa tesoro delle mille esperienze e tantissimi volti con il quale entra in contatto.

Cresce così nel suo ego la forte passione per la musica techno e inizia passo dopo passo la sua carriera da Disc Jockey ed eccellente produttore.

Ma il vissuto di Mattia è una storia che a oggi continua a scriversi ed evolversi grazie a duro lavoro e la continua voglia di reinventarsi.

Il quinto episodio del “Tell Me Aboundless” è dedicato a 051 Destroyer.  Un nuovo progetto pronto ad approcciare alla scena attuale, firmato Mattia Trani.

051 Destroyer è un alias attraverso il quale Mattia mette all’attenzione degli ascoltatori tutta la sua passione per i dischi Electro.

Ma 051 Destroyer è anche un personaggio fortemente caratterizzato, grazie alla presenza di una maschera indossata da Trani durante la performance.

Nella prima parte dell’episodio viene ufficialmente presentato il progetto di 051 Destroyer, in maniera minuziosa e dettagliata. Grazie ad un’intervista che con chiarezza e scioltezza ha tracciato i punti fondamentali per comprendere tutto ciò che si cela dietro la maschera di 051 Destroyer.

Dopo l’interessantissimo confronto avuto tra artista e intervistatore si è potuto passare alla performance. Un raffinatissimo dj set che potrete riascoltare e rivedere in video assieme all’intervista.

Una performance che raccontava un pezzo di storia disco dopo disco. Da Drexciya DJ Stingtay, in questo dj set non è mancato davvero alcun richiamo alla musica di nicchia, quella che nonostante sia passato un bel po’ di tempo, continua a farti ballare e soprattutto continua a farti sognare di stare a sorseggiare un bel drink dall’altra parte del mondo.