fifty seven − = fifty

Nato nel 2019 nel Regno Unito e già noto a livello internazionale grazie al supporto di artisti come Massive Attack, Brian Eno e Thom Tork, “Music Declares Emergency” è arrivato anche in Francia.

Composto e supportato da alcuni tra i migliori artisti e professionisti della scena francese, “Music Declares Emergency France” invita l’industria musicale a riflettere e ripensare in maniera più ecologica i propri eventi, in modo da renderli più sostenibili a livello ambientale. L’obiettivo finale, perfettamente in linea con le grandi sfide proposte dall’Agenda 2030, è quello di arrivare a zero emissioni di gas serra entro la fine del 2030.

Sin dalla sua nascita, il movimento ha ricevuto grandi consensi da parte della scena musicale transalpina, con artisti come Anetha, Rone, Manu le Malin, Fakear, Louisahhh e professionisti o istituzioni del settore come Alpine Records, FGO Barbara, Pete The Monkey e The Green Room.

MDE France ed i suoi membri “riconoscono l’impatto ambientale delle pratiche dell’industria musicale e le numerose ingiustizie mondiali causate dall’emergenza ecologica e climatica” e s’impegnano ad “aiutarsi a vicenda e condividere le proprie competenze di settore e di comunità, esprimendosi di fronte all’emergenza climatica ed ecologica, e lavorando per rendere le proprie attività ecologicamente sostenibili e rigenerative.” 

Aderire all’iniziativa è semplice: dopo aver compilato un form online, è possibile fare una donazione per sostenere i costi di lancio dell’iniziativa ed essere parte attiva del progetto. A prescindere dal contributo monetario, per essere davvero coinvolti in questo processo di denuncia e cambiamento, è necessario modificare anche il proprio stile di vita.

Spesso si pensa che piccoli cambiamenti individuali siano inutili, ma la verità è che ogni azione è utile poiché aggiunge un importante mattoncino ad un progetto globale decisamente ambizioso. La musica, grazie alla sua popolarità globale, può diventare un importante mezzo di comunicazione, diffusione e cambiamento; sensibilizzando anche coloro che fino ad ora avevano sempre trascurato l’argomento.

Potete trovare più informazioni su “Music Declares Emergency France” qui. 

Per supportare attivamente il progetto invece cliccate qui.