three + five =

Vi raccontiamo la storia di Christian Castel (aka DJ Kaioh) che ha realizzato un laboratorio creativo di produzione di musica Techno all’interno di una Residenza per Anziani di Rouen.

Christian Castel è un assistente di geriatria con esperienza ultra ventennale attualmente impiegato presso una Residenza per Anziani di Rouen in Francia. Nel corso della sua attività quotidiana organizza delle inizative al fine di intrattenere gli ospiti della Residenza Les Jardins de Matisse e rendere i loro giorni meno monotoni e più attivi.

Dalle esperienze comuni di parenti ospiti presso questo genere di residenze, ci aspetteremmo una giornata tipo scandita dalla passeggiata in cortile, la visione di programmi in TV o la partita a carte. Ai Jardins de Matisse, la passione per la musica elettronica di Christian (aka DJ Kaioh) lo porta a coinvolgere un gruppo di nonne ospiti in un laboratorio creativo di produzione di musica Techno.

Dal reportage di Konbini News, vediamo come l’assistente organizzi le attività usando una groovebox, un sintetizzatore analogico, un sintetizzatore per la bassline, dei mixer messe a disposizione per una classe di quattro nonne e studentesse: Jacqueline di 94 anni, Ginette di 95, Thérèse di 95 e Paulette di 92.

La sfida non risiede solo nell’intrattenimento delle ospiti dei Jardins de Matisse ma anche nella scoperta di un nuovo genere musicale da parte di una generazione abituata ai suoni di fisarmoniche, chitarre e canzoni malinconiche. La creazione di una Techno astratta, acid e addirittura Hardcore (come lo stesso Christian afferma nel video) diverte ed entusiasma le partecipanti.

E’ bello vedere (e fa sorridere un po’) come le quattro neo-produttrici, non abituate ad utilizzare o schiacciare i pulsanti di una groovebox, siano sorprese ed orgogliose nell’ascoltare il risultato della loro creazione. Mentre Jacqueline mostra apprezzamento verso la modulazione dei suoni, Ginette sembra più nostalgica: i suoni da lei elaborati le ricordano i tempi della sua giovinezza e di quando ascoltava la radio, il mezzo di comunicazione per eccellenza.

Alla domanda, “Cosa ne pensano i vostri nipoti della vostra partecipazione ad un corso di produzione Techno?” la risposta di Thérèse spezza la serietà e la concentrazione del momento produttivo con un: “Non vengono più a trovarci!”

Per queste quattro nonne ospiti della residenza Les Jardins de Matisse, il laboratorio non rappresenta solamente un momento di intrattenimento ma anche di scoperta culturale mostrando come la musica (e la Techno in questo caso particolare) possa avere anche una funzione sociale ed educativa. E chissà se tra non molto ci ritroveremo ad ascoltare presto un loro disco!