+ 41 = forty four

Reset Robot, dj inglese originario di Portsmouth, ci svela tutti i dettagli del nuovo album “Only Light Escapes”, uscito lo scorso 6 giugno sulla sua etichetta Whistleblower.

Reset Robot, aka Dave Robertson, è un artista che non ha paura dei confini. O meglio, è uno di quelli che dentro quel confine tra techno ed house ha costruito il suo terreno di gioco. Dall’esordio nel 2009 su l’etichetta Sci +Tech di Dubfire, ha compiuto una crescita esponenziale nel panorama elettronico.

Label come Drumcode, Soma e Get Phisical sono diventate il luogo ideale per poter sperimentare le varie anime di Reset Robot. Truesoul di Adam Beyer è diventata invece una vera e propria casa spirituale, in cui la sua libertà espressiva si è affermata notevolmente.

Oggi Reset Robot è tornato con un nuovo album, sulla sua etichetta Whistleblower.

Un album completo, forse come mai era stato il suo lavoro. Dentro “Only Light Escapes” convivono l’anima dancefloor e quella ambient, senza mai tirarsi per la giacca, ma costruendo un tessuto sonoro elegante e scivoloso. Una dichiarazione spontanea sulla propria musica. Un disco che si costruisce dentro le radici sonore di Dave, senza però rinunciare ad esplorare l’inconsistente e l’immateriale.

Potete ordinare il disco qui. Buona lettura!

Ciao Reset Robot. Benvenuto su Parkett, è un piacere averti come nostro ospite. Come stai vivendo questo periodo?

Ciao, grazie per avermi ospitato. Sto bene. Ho appena aperto un nuovo studio, quindi sono piuttosto entusiasta di questo.

In questi giorni esce “Only Light Escapes”, il tuo nuovo album per la tua etichetta “Whistleblower”. Perché hai scelto questo titolo e cosa rappresenta?’

Il titolo “Only Light Escapes” si basa su una teoria sui buchi neri. Trovo questo argomento incredibilmente interessante e ho letto alcuni libri al riguardo durante uno dei lockdown. In passato si pensava che nulla sfuggisse alle grinfie di un buco nero, ma credo che Stephen Hawking avesse una teoria secondo cui la luce potrebbe sfuggire. Penso che si chiami “Radiazioni Hawking”.

Questo album raccoglie 13 brani, un’opera completa che trasporta l’ascoltatore in una dimensione parallela. Hai iniziato con l’intenzione di fare un album o questo lavoro è nato spontaneamente?

Avevo intenzione di scrivere un album. Volevo scrivere una raccolta di brani completamente lontani dal mio solito suono. Sono stato ispirato da alcuni lavori recenti del mio buon amico Jon Gurd. Aveva scritto un bellissimo album con un suono completamente diverso. Questo mi ha dato la sicurezza di lavorare su qualcosa di un po’ più vario. Mi sono divertito molto a scrivere questa raccolta di brani, ma ho anche dovuto superare i soliti ostacoli. Trovare il mix giusto per una traccia o non ottenere il massimo da un arrangiamento.

Le tracce all’interno del disco risaltano ed esplorano le tue molte anime. La parola d’ordine dell’album è forse versatilità: come riesci a spaziare tra i generi pur essendo sempre credibile per il tuo pubblico?

Credo che come artista dovresti essere libero di oscillare tra i generi e non sentirti legato a un suono specifico. Ho iniziato molte idee durante il processo di scrittura di questo album, ma queste 13 tracce sembravano essere quelle a cui continuavo a tornare e con cui mi sentivo bene.

Sul disco possiamo apprezzare l’uso sapiente dei sintetizzatori, quali hai usato per creare questo album?

Ho usato il Moog Matriarch, Moog Sub 37, Korg MS2000, KORG Minilogue ed il sintetizzatore granulare Tasty Chips GR-1.

Il suono finale è inquietante, personale e originale. Come sei riuscito a combinare strumenti digitali e analogici in questo particolare lavoro?

La ragione è il cuore della mia struttura. Lo uso dal 2001 quindi lo conosco molto bene e mi piace usarlo. È molto facile integrare l’hardware nella configurazione. Uso l’ERM Multiclock per mantenere tutto sincronizzato. È ottimo per le drum machine e per sincronizzare gli arpeggiatori sui sintetizzatori.

Mi sono piaciuti particolarmente alcuni brani, meno dancefloor e più ambient, ad esempio mi viene in mente “Crows”. Quali sono i tuoi riferimenti per la musica ambient e come sei riuscito a fondere questi pezzi in modo perfettamente omogeneo con il resto della storia del disco?

Grazie!! Non ascolto molta musica ambient ad essere onesto, ma amo artisti come Four Tet e Burial, ad esempio, quindi penso che parte di questo suono più sperimentale sia ispirato da quei ragazzi.

A mio modo di vedere, questo album si presta ad essere tradotto in un live che va oltre il concetto di dj set e si addentra nella sfera dell’esperienza immersiva. Hai in mente qualche format performativo?

Non so se tornerò mai in tournée a dire il vero. Penso che ci sia la possibilità di fare alcuni spettacoli in stile concept locale, quindi potrebbe succedere qualcosa come hai suggerito.

Oltre alla musica, quali sono le tue passioni e i soggetti da cui trai ispirazione per poter comporre musica così emotivamente coinvolgente?

Le altre mie passioni sono la cucina e amo fare sport. Queste cose mi rendono molto felice, quindi immagino che tutto ciò che fai ti dia una sorta di ispirazione. Cucino quasi tutti i giorni e amo anche cuocere il pane. Le cose semplici sono molto soddisfacenti. Cuocere una pagnotta di buon pane per la mia famiglia è una delle cose che preferisco fare.

Vorrei sapere quali sono i tuoi prossimi progetti futuri e se vuoi lasciare un messaggio speciale ai lettori di Parkett.

Grazie per avermi qui e grazie a chiunque abbia letto questa intervista. È bello ricevere delle domande interessanti. I miei progetti futuri sono più o meno gli stessi. Scrivi nuova musica, goditi il ​​processo e sii di mentalità aperta.


ENGLISH VERSION

Hello Reset Robot. Welcome to Parkett, it’s a pleasure to have you as our guest. How are you experiencing this period?

Hello, thank you for having me. I’m doing okay. I just set up a new studio so I’m pretty excited about that.

On June 17th “Only Light Escapes” is released, your new album on your label “Whistleblower”. Why did you choose this title and what does it represent?

The title ‘Only Light Escapes’ is based around a theory about black holes. I find this subject incredibly interesting and had been reading some books about it during one of the lockdowns. In the past it was thought that nothing escapes from the clutches of a black hole but I believe Stephen Hawking had a theory that light might be able escape. I think that’s called ‘Hawking radiation’.

This album collects 13 tracks, a complete work that transports the listener to a parallel dimension. Did you start with the intention of making an album or was this work born spontaneously?

I had the intention of writing an album. I wanted to write a collection of tracks completely away from my usual sound. I had been inspired by some recent work by my good friend Jon Gurd. He’d written a beautiful album with a completely different sound. That gave me the confidence to work on something a bit more diverse. I had a lot of fun whilst writing this collection of tracks but also had the usual obstacles to overcome. Finding the right mix down for a track or not quite getting the most of an arrangement.

The tracks within the disc stand out and explore your many souls. The watchword of the album is perhaps versatility: how do you manage to range between genres while always being credible for your audience?

I believe that as an artist you should be free to swing between genres and not feel locked to a specific sound. I started many ideas during the process of writing this album but these 13 tracks seemed to be the ones I kept going back to and feeling good about.

On the disc you can appreciate the skilful use of synthesizers, which ones did you use to create this album?

I used the Moog Matriarch, Moog Sub 37, Korg MS2000, KORG Minilogue and the Tasty Chips GR-1 granular synthesiser.

The final sound is unsettling, personal and original. How did you manage to combine digital and analog tools in this particular work?

Reason is the heart of my set up. I’ve used it since 2001 so I know it very well and love using it. It’s very easy to integrate the hardware into the setup. I use the ERM Multiclock to keep everything synced. It’s great for drum machines and syncing the arpeggiators on synthesisers.

I particularly liked some tracks, less dancefloor and more ambient, for example “Crows” comes to mind. What are your references for ambient music and how did you manage to blend these pieces in a perfectly homogeneous way with the rest of the story of the disc?

Thank you!! I don’t listen to much ambient music to be honest but I love artists like Four Tet and Burial for example so I think some of this more experimental sound is inspired by those guys.

In my opinion, this album can be translated into a live that goes beyond the concept of the DJ set and goes into the sphere of immersive experience. Do you have any performative formats in mind?

I don’t know if I’ll ever tour again to be honest. I think there is a possibility to do some local concept style shows though so something like you suggested could happen 🙂

In addition to music, what are your passions and the subjects from which you draw inspiration to be able to compose music so emotionally engaging?

My other passions are cooking and I love to play sports. These things make me very happy so I guess everything you do gives you some sort of inspiration. I cook most days and love to bake bread too. The simple things are very satisfying. Baking a loaf of good bread for my family is one of my favourite things to do.

I would like to know what your next future projects are and if you want to leave a special message to Parkett’s readers.

Thank you for having me here and thank you to anyone who has read this interview. It’s nice to get some cool questions. My future projects are much the same. Write new music, enjoy the process and be open minded.