40 − = thirty four

Tra i più grandi esponenti della techno “made in UK”, Anthony Child aka Surgeon sta offrendo agli appassionati una serie di mix di estrema qualità, mettendo mano a un repertorio che conta ormai più di 25 anni.

In questo delicato periodo in cui si inizia a sospettare che gli eventi musicali dal vivo saranno gli ultimi a riaccendersi, sono tanti gli artisti che stanno rendendo la propria musica fruibile tramite i canali on-line. Tra questi c’è anche Anthony Child, ai più conosciuto come Surgeon, che sta dando il proprio contributo alla causa in maniera “generosa” ed autentica.

Il DJ/producer inglese si è infatti reso protagonista di una serie di mixati, dal titolo “Surgeon Isolation Mix”, in cui presenziano produzioni proprie, remix, dischi techno più datati e lavori di nuovi talenti.

L’ultimo volume, rilasciato 4 giorni fa, è il numero 6 di una serie iniziata il 16 Marzo. In questo caso Surgeon ha utilizzato solamente musica da lui prodotta e remixata tra il 1994 e il 2018.

 

A seguire tutti i sei volumi di Surgeon Isolation Mix.

Questi mixati si possono quindi considerare come un piccolo assaggio di quella che è stata la carriera di Surgeon. Iniziata a metà anni 90 a Birmingham e poi esplosa nei club e festival di tutta Europa, con release su Tresor, “Soma”, “Hotflush” e anche un progetto duo, British Murder Boys, di cui vi parlammo in questo nostro articolo.

In conclusione, buonissima musica, gratuita e di supporto. Solidarietà e condivisione sono due elementi che hanno reso il movimento della musica elettronica speciale, ed è proprio da questi che dovremmo ripartire.

Noi di Parkett proviamo a dare il nostro aiuto attraverso il progetto “Homework”, una serie di dj set in streaming sulla nostra pagina Facebook attraverso i quali si possono fare donazioni alla Croce Rossa Italiana. Maggiori info QUI.