seventy one − 61 =

Immaginate un evento techno in cui per entrare bisogna comprare un albero, o meglio, una piantina che diventerà un albero, e poi, insieme a tutti gli altri alberi acquistati dai partecipanti, una foresta. Bene, è già realtà, si chiama Techno Forest e viene organizzato in Polonia da un club famoso per i suoi rave: l’Instytut di Varsavia.

Tutto è iniziato nelle campagne di un piccolo borgo a 120 km da Varsavia, Stefanów, nel maggio del 2018, quando ai ragazzi dell’Instytut Club è venuta in mente un’idea molto semplice: tornare (letteralmente) alle radici, per poi sparare la techno a tutto volume.

Infatti di giorno i raver piantano gli alberi, di notte si scatenano sotto cassa in un atmosfera incantata, cordiale, avendo anche la possibilità di partecipare a workshop sull’ambiente e pratiche eco-compatibili.

Neanche il Covid 19 ha interrotto quella che ormai è diventata una tradizione. La terza edizione di Let’s Plant a Techno Forest (questo il nome completo dell’evento), prevista per lo scorso maggio, è stata posticipata a settembre.

Facendo due calcoli, con una media di 500 persone a evento sono già state collocate circa 1500 piantine che da grandi diventeranno una foresta, una Techno Forest(a). Idee verdi, positive, che in un periodo di grandi sconvolgimenti umanitari e ambientali fanno ancora sperare in qualcosa di buono.

A tal proposito leggi anche: Rebekah pubblica un EP contro discriminazioni e molestie sessuali o Il fondatore di R&S Records è stato accusato di razzismo da Eddington Again

La data per piantare la prossima foresta nel 2021 è già uscita ma nulla spiega la festa meglio dell’aftermovie che segue.

La quarta edizione del Let’s Plant a Techno Forest si terrà, quindi, nel maggio 2021, sempre a Stefanów e sempre con il biglietto d’ingresso che “costerà un albero”. (Maggiori info sulla pagina Facebook dell’evento QUI). Ma quelli di Instytut erano già famosi per organizzare rave in luoghi incredibili, come in una fortezza del XIX, la Garnizon Modlin presso la città di Nowy Dwór, oppure in una sala occupata del laboratorio di ricerca dell’Instytut Energetyki di Varsavia.

Insomma, dei pazzi ma con le idee ben chiare. Noi non possiamo che supportarli e sperare che iniziative del genere sboccino anche in Italia e in tutto il Mondo.

techno forest