twenty seven − = 22

“Teenage Birdsong” di Four Tet, dopo la versione digitale, è stata rilasciata in vinile lo scorso dicembre sull’etichetta Text Records (proprio di Four Tet), insieme ai remix di Overmono e Avalon Emerson.

Insieme al brano originale “Teenage Birdsong”, nel progetto è stato affidato al duo Overmono e all’artista americana Avalon Emerson il remix della traccia, il cui video è stato caricato lo scorso maggio sul canale di Four Tet.

Girato all’Alexandra Palace di Londra, è stato diretto da Joanna Nordahl, artista visiva di origini svedesi pluripremiata per i suoi documentari, cortometraggi e spot pubblicitari (guarda a fondo pagina).

Uscito in vinile il 5 dicembre, dopo il suo debutto digitale all’inizio di quest’anno (leggi qui), all’interno del nuovo 12″ oltre alle tracce “Teenage Birdsong” e “Dreamer”, il progetto vanta la collaborazione di tre importanti artisti.

Stiamo parlando dei fratelli Ed Russell (Tessela) e Tom Russell (Truss) alias Overmono: duo che appare sulle scene nel 2016 con l’EP “Aria”, rilasciato su XL Recordings, e che ha rilasciato di recente un EP su Whiti.es e un nuovissimo progetto dal titolo POLY011 su Poly Kicks (lo scorso novembre).

Uno dei due remix di “Teenage Birdsong” porta, invece, la firma della producer dell’Arizona, di base a Berlino, Avalon Emerson, in attività dal 2014 con progetti su Spectral Sound (Ghostly International), Spring Theory e Icee Hot.

Guarda il video realizzato da Joanna Nordahl:

Ordina la tua copia QUI

Tracklist:

Side A

1. Teenage Birdsong
2. Teenage Birdsong (Avalon Emerson Scrub Jay Remix)

Side B

1. Teenage Birdsong (Overmono Remix)
2. Dreamer


L’etichetta Text Records di Four Tet è in attività dal 2001, anno in cui appare sulla scena con il progetto firmato Koushik dal titolo Battle Times. Vanta nel suo percorso di quasi vent’anni la collaborazione di artisti del calibro di Thomas Brummer, Deetron, John Beltram, Anthony Naples, Daniel Stefanik, Peter Van Hoesen, Nick Hoppner, Kink, Scuba, Burial (con Moth/Wolf Cub del 2009, Ego/Mirror del 2011 e Nova del 2012) e molti altri.