− one = one

Jeff Mills il 01 luglio sarà al Magnolia di Milano e il 02 alla Casa delle Arti di Conversano (BA),  per presentare in anteprima “Jeff Mills plays Metropolis”

Circolo MagnoliaCasa delle Arti di Conversano (BA) presentano Jeff Mills plays Metropolis, serata che porterà la leggenda della Techno a Milano e il giorno successivo a Bari  per un evento particolare e unico, Jeff Mills infatti “musicherà” un film di primaria importanza per la storia del cinema: Metropolis.

Jeff Mills, eseguirà la sonorizzazione live al film muto del 1927 di Fritz Lang, capolavoro ambientato in un futuro distopico in cui le divisioni classiste sembrano crescere in modo esponenziale. Uno dei kolossal più famosi e apprezzati della storia del cinema, il film è anche noto per essere stata una delle pellicole preferite da Adolf Hitler, la cui trama si basa principalmente sul narrare la mutazione del mondo vittima del capitalismo.

Il progetto di cinemix di Mills nasce dopo il restauro del 2010 compiuto dalla Fondazione Deutsche Kinemthek e dalla Friedrich-Whilhem-Murnau, grazie al ritrovamento in Argentina di venticinque minuti di pellicola di Metropolis che erano andati persi, facendo nascere così una versione restaurata alla quale Mills darà voce alle immagini, grazie alla sua musica.

Il film è tra le opere principali del cinema espressionista ed è totalmente riconosciuto come modello di gran parte del cinema di fantascienza moderno, avendo ispirato pellicole come Blade Runner piuttosto che Guerre Stellari.

Un film, che declina il rapporto uomo-macchina alla stregua di un mito di fondazione, in maniera arcaizzante. Lang raccontò una società vittoriana e tecnologica sul filo del rasoio: tra fascinazione e paura. In una città con un’estetica futurista, costruita per i ricchi dalle braccia del proletariato, che vive in condizioni industriali disumane.

Tratto dal libro di Thea von Harbou, all’epoca moglie di Fritz Lang, nell’intera trama del film si possono rilevare diversi tipi di stile, che collegano l’intrigo non solo alla fantascienza ma anche, in maniera contrastante, a diversi racconti di tipo mitico o arcaici.

“L’architettura e le scenografie di Metropolis richiamano diverse tendenze dominanti nell’ambito del cinema espressionista: nella città alta la celebrazione futurista della modernità meccanizzata, con l’architettura in vetro, i grattacieli, l’intreccio di autostrade, le automobili e gli aerei; nella città sot­terranea, l’arcaismo organico della cattedrale, delle catacombe, della casa di Rotwang, simile a quella del creatore del Golem nel film di Paul Wegener (1920).” – (Fonte Jean-Loup Bourget).

Metropolis insieme alla musica di Jeff Mills, uno degli eredi multidimensionali della Black Detroit, creano quel antesignano legame di futurismo sonoro e cinematografico in grado di collegare flussi paralleli e selvaggiamente divergenti. Naviga liberamente dentro l’infinità di multiformi aritmie musicali che Detroit grazie a Mills, si porta sulle spalle; da sempre città visionaria, polisemica e poliritmica.

Jeff Mills, un rivoluzionario che spesso è stato in grado di reinventarsi nella sua carriera immergendosi in  progetti molto particolari, come Sight, Sound and Space: un’insolita raccolta di brani che tracciano una linea di collegamento fra spazio, vista e suono.

Tra i fondatori di Underground Resistance nonché precursore della Techno per come la conosciamo oggi, Jeff Mills ha collaborato anche con la NASA – National Aeronautics and Space Administration per uno dei progetti più surreali ed avveniristici mai visti prima: The Outer Limits.

Un contributo in grado di legare il pioniere della musica elettronica all’esplorazione dell’universo. Dandoci la possibilità di osservare l’artista trasmutarsi in designer del suono d’avanguardia per proiettarsi alla volta di nuovi territori; unendo così definitivamente due mondi completamente agli antipodi tra loro: l’elettronica underground all’esplorazione spaziale. Cosa che non era mai successa prima di allora.

Guarda qui Metropolis con alcune basi di Jeff Mills:

Nel corso della sua lunga carriera è stato da sempre in grado di adattare la sua visione musicale in linea con un pubblico amante della Techno da una parte, ma anche in direzione di un ascoltatore più contemplativo e distante da quello che lega le sue produzioni prettamente clubbing dall’altra. Esattamente come succederà con Jeff Mills plays Metropolis al Magnolia il 01 luglio e a Bari il 02.

INFO EVENTI:

MILANO

Ore 19

Magnolia Grand Theater

Via Circonvallazione Idroscalo, 41

20090 Novegro-Tregarezzo MI

Euro 30,00 + d.p.

Prevendita: http://bit.ly/JeffMillsMagnolia

BARI

02 luglio

Ore 21.30

Casa delle Arti

Via Donato Jaia, 14

70014 Conversano BA

Euro 22,00 + d.p.

Prevendita: http://bit.ly/JeffMillsCasaDelleArti

GLI ORGANIZZATORI CONSIGLIANO:

  • Si consiglia di presentarsi entro 60 minuti prima dell’inizio spettacoli indicato, per evitare il più possibile assembramenti all’ingresso.
  • All’interno della Live Arena troverai tutto quello di cui hai bisogno per goderti al meglio il pre-show: un’area food & drink & relax, dove sarà possibile mangiare e/o bere qualcosa seduti sotto gli alberi accanto al nostro palco. In quest’area non è necessaria la prenotazione del tavolo.
  • Se preferisci invece cenare o bere semplicemente qualcosa prima dello show al nostro Central Park la prenotazione è consigliata e si effettua a questo numero 3665005306, specificando che hai il biglietto dello spettacolo.

SPETTACOLI IN SICUREZZA

  • L’evento sarà regolato nel rispetto dei protocolli e le misure anticontagio in ottemperanza alle norme e disposizioni vigenti per legge volte al contenimento dell’emergenza epidemiologica da Covid-19.
  • Le sedute garantiranno il mantenimento del distanziamento interpersonale durante l’evento.
  • All’ingresso verrà misurata la temperatura corporea ad ogni partecipante, e nel caso in cui superi i 37.5°C verrà negato l’ingresso nel rispetto dei protocolli
  • All’interno della Live Arena sarà obbligatorio l’uso della mascherina.
  • Saranno installati diversi punti per la sanificazione delle mani cui i partecipanti saranno tenuti all’utilizzo in accesso e in uscita da ogni area del concerto.
  • Sarà presente personale del servizio d’ordine incaricato di far mantenere le distanze sociali e di far rispettare la segnaletica indicata nell’area del concerto.
  • Il personale di servizio fornirà tutte le informazioni possibili volte a far trovare nella maniera migliore il proprio posto.