thirty one − = 23

Il Printworks di Londra chiude definitivamente i battenti e l’evento segna la fine di un’era che credevamo fosse intramontabile.

Il Printworks di Londra rimarrà solo un ricordo? Probabilmente si, vista la notizia trapelata la scorsa notte, relativa alla chiusura imminente del club.

Tutto inizia lo scorso ottobre, quando il proprietario dell’edificio che ospita il club, ha presentato una proposta per riqualificare il terreno e trasformare l’immobile in uno spazio per uffici.

La decisione finale spetta al Southwark Council, ma secondo alcune fonti attendibili, il progetto per la realizzazione degli uffici è stato già accolto.

A poco è servita la petizione lanciata dal popolo della notte. Forse 10.000 firme non fanno abbastanza rumore. Inutile dire che è un vero peccato. Il club ha ospitato i migliori artisti del settore e si è classificato tra i migliori del mondo nel giro di pochissimo tempo.

Questo successo è stato notato anche dai Consiglieri del S.C., che però specificano che la destinazione d’uso dell’edificio a club sarebbe valsa solo in via temporanea.

Dettagli del progetto futuro

Il futuro progetto, per il quale saremo costretti a mettere da parte musica, passione e sentimenti, prevede la realizzazione di un enorme edificio.

Il complesso sarà diviso in 3 parti con cinque o sette piani, caratterizzati da un mix di uffici e negozi. Nel dettaglio, il progetto non sarebbe nemmeno tanto male. Anzi, si rivela una riqualificazione dell’immobile di un certo spessore.

Tuttavia, quando lo scorso anno iniziarono a girare alcune voci relative alla chiusura del club, il British Land aveva affermato di essere in trattative con l’amministratore del Printworks per ufficializzare la loro permanenza.

Il motivo di questa affermazione fu proprio lo splendido lavoro che il club stava svolgendo per la comunità. Si, perché il Printworks nel corso di questi 5 anni è stato un punto di riferimento per tutta la città. Non era un semplice club, ma un luogo in cui veniva diffusa la cultura, la passione e l’aggregazione.

E a pensare che solo nel 2020, parlavamo della loro programmazione in questo nostro articolo. Mentre adesso speriamo di poter scrivere la notizia di un cambio di programma, quanto prima possibile.