+ 54 = sixty two

Il simbolo di Aphex Twin è apparso in queste ore alla fermata Elephant & Castle della metropolitana londinese; sul muro destinato alle pubblicità sono stati attaccati due enormi loghi riconducibili al geniale artista inglese.

Chi segue le operazioni di marketing con le quale negli ultimi anni si è quasi sempre espresso Richard D. James alias Aphex Twin, sa perfettamente che per alzare le aspettative legate ai suoi progetti, prima dell’annuncio di album o prima dell’ufficializzazione di collaborazioni o live, il geniale artista si è sempre affidato a messaggi criptati dal dubbio gusto mediatico.

Ed è molto facile pensare che anche questa volta qualcosa stia bollendo in pentola, soprattutto dopo l’avvistamento del simbolo di Aphex Twin immortalato dagli scatti fatti circolare dal dj e producer Nico De Ceglia e dall’artista Louis La Roche in queste ore.

Nelle foto pubblicate sui loro profili social infatti, appare evidente l’inconfondible logo che crea un effetto tridimensionale tra le piastrelle della metropolitana londinese, come un proiettile sparato nel muro, sfondandolo in diverse stratificazioni.

Ma perchè proprio la fermata Elephant & Castle?

Esiste una strana leggenda che riguarda Richard D. James e questo posto, nata nel 1994 circa. Richard D. James arrivò a Londra per studiare al Kingston Polytechnic all’inizio degli anni ’90. Non molto tempo dopo sembra essersi trasferito nel quartiere Elephant & Castle e nel 2001, quando fu intervistato in un bar nel centro commerciale nei pressi della fermata, il giornalista avrebbe raccontato successivamente che Richard viveva li da sei anni; all’interno di un caveau di una banca convertita, proprio tra le lamiere di quel posto.

Ovviamente è solo una leggenda, ma che alimenta la curiosità e la fantasia di molti fans dell’artista, aumentando oggi, le speranze che dietro questi nuovi indizi ci sia presto qualcosa di più concreto.

Sono diversi comunque i messaggi criptati ai quali ci ha abituato Richard D. James nel corso degli utlimi anni. Da un dirigibile sopra i cieli di Londra nel 2014, per l’uscita di Syro, ai misteriosi countdown del 2017. Il primo iniziato in occasione del live audio-visuale del Field Day 2017 di Londra.

Seguito immediatamente da un altro, durato circa un mese e terminato per scoprire che Aphex Twin (in collaborazione con Warp records e Bleep) avrebbe aperto il suo primo store online personale; dove oltre che mettere in vendita gli album che hanno segnato la sua carriera, ci ha pubblica circa 40 inediti mai rilasciati.

Ancora non ci sono conferme e dichiarazioni ufficiali, ma dato che i live, compreso quello di Berlino e quello annunciato per novembre in Italia al Club to Club sono stati ufficializzati, aspettiamo con ansia che questo nuovo simbolo di Aphex Twin ci regali qualche altra sorpresa; come per esempio un nuovo album o il rilascio di qualche materiale inedito!?

All’inizio di quest’anno, la BBC ha rilasciato un nuovo documentario radiofonico sul produttore intitolato “Cult of Aphex Twin“. Leggi QUI il nostro articolo “viaggio nella mente di un visionario: Aphex Twin in 10 tracce“.