ninety four − ninety =

Saytek, artista britannico, si racconta su Parkett in occasione della release del suo ultimo Ep sulla storica label Trax Records.

Saytek, nome d’arte di Joseph Keevil, è un artista che non ha certo bisogno di presentazioni. Nel corso degli anni, è sempre riuscito a distinguersi per la sua forte attitudine alla produzione, ricevendo consensi dai nomi più autorevoli dell’universo elettronico.

Non è roba da tutti i giorni vantare consensi e collaborazioni con mostri sacri del calibro di Carl Cox, Kevin Saunderson e Steve Lawler. Joseph ha sempre scelto di mantenere un suo stile personale, in cui le influenze della prima techno detroitiana e l’Acid house si mescolano in un prodotto unico.

Per Saytek il concetto di identità musicale è fondamentale. Lo è nel suo modo di affrontare la vita da artista. Rimarcando costantemente la sua lontananza da trend e mode musicali. Dentro il suo sound convivono le mille anime della musica elettronica, sempre in perfetto equilibrio.Mai stonate e fuori luogo. Le sue release hanno visto la luce su alcune delle label più influenti del globo: da Soma a Bedrock Records, passando per Motech e Fabric. L’ultima release, uscita lo scorso primo luglio, ha avuto come casa una delle etichette più rinomate e prestigiose: Trax Records.

La leggendaria label di Chicago ha saputo raccontare, dal 1983 ad oggi, l’evoluzione e la storia della musica house. “Crisis for Change” di Saytek è un nuovo capitolo di questo percorso.

L’Ep, uscito sull’etichetta fondata da Larry Sherman, vede protagonisti suoni nostalgici e sintetizzatori classici, che incontrano i toni acid, che danno vita ad il sound unico e riconoscibile di Saytek. Abbiamo voluto approfondire con lui numerosi temi intorno al suo operato da artista.

Vi lasciamo le sue parole. Buona lettura!

Ciao Joseph, grazie per aver chattato con noi oggi! Come stai? E quali sono gli eventi più importanti a cui parteciperai quest’estate?

Ehi, ho molti spettacoli emozionanti in arrivo, ecco le mie date di luglio/agosto finora:

👉 02/07 Tanzhaus West Frankfurt
👉 05/07 Carl Cox Invites, DC10 Ibiza
👉 09/07 Beast Rave The Planet, Kulturbrauerei Berlin
👉 29/07 Moondance Festival, Trogir
👉 12/08 Confluence, Basing House London
👉 13/08 Lethargy Festival, Zurich
👉 26/08 Push Festival, Oslo
👉 28/08 Mysteryland Festival, Amsterdam

Riguardo al vostro recente “invito” per l’apertura della “festa di invito” di Carl Cox al DC-10 di Ibiza e all’amicizia tra voi ragazzi, come è andato l’evento? Ti è piaciuto il tuo set?

È stato molto divertente, è davvero qualcosa di speciale che stanno facendo lì! È stato bello uscire anche con Carl e Christopher!

 

La tua biografia di Resident Advisor definisce Saytek come “un vero musicista elettronico” e la tua tecnica è davvero molto accurata. Come descriveresti personalmente l’evoluzione del tuo studio e del tuo allestimento dal vivo nel corso degli anni?

Mi sono concentrato così tanto sulla musica per il mio spettacolo dal vivo che non faccio musica in nessun altro modo ora, a parte i remix a cui mi avvicino ancora tradizionalmente. La musica che pubblico ora è tutta tagliata direttamente dai miei live set con un montaggio minimo. È tutto registrato su 2 tracce direttamente dal mixer DJ.

Qual è la tua opinione sullo scenario della musica techno inglese al giorno d’oggi?

Non seguo mode o scene, sono principalmente un amante della musica elettronica e mi piace quello che mi piace. Per me è tutta una questione di musica che mi fa venire voglia di ballare per ore e mi fa venire la pelle d’oca. La techno senza tempo e l’house vince sempre per me.

Puoi parlarci del processo alla base dei tuoi atti dal vivo che diventano tracce?

È semplice. Ogni traccia viene tagliata da un’esibizione dal vivo continua praticamente così com’è. A volte sono necessarie piccole modifiche per rendere l’inizio e la fine più adatti ai DJ o un po’ di distorsione per correggere la deriva midi, ma sono più o meno esattamente come sono stati eseguiti dal vivo, non suoneranno mai più lo stesso quando eseguiti in futuro, quindi è si tratta davvero di catturare un momento nel tempo.

Il tuo nuovo album dal vivo ha un titolo molto attuale, “Crisis For Change”. Puoi raccontarci la storia che c’è dietro?

Sia nella mia vita personale che per l’umanità, una crisi può essere il catalizzatore di un enorme cambiamento positivo. Succedono cose brutte e la vita diventa dura, ma se agiamo e facciamo la cosa giusta nei momenti più difficili le cose migliorano. La musica elettronica è spesso senza parole, ma per me crea sentimenti ed è stata questa sensazione che ho provato quando ho creato il brano.

 

Dal tuo ultimo lavoro, possiamo sentire che hai scelto più groove techno di Detroit della vecchia scuola invece del tempo di punta o uno stile deep e power house. Qualche ragione su questa scelta?

La techno di Detroit e l’Acid House hanno sempre avuto un’enorme influenza su quello che faccio. Sono piuttosto vecchia scuola e credo in un concerto dal vivo o in un DJ che porta le persone in un viaggio con la musica, mi annoio se sento techno sanguinante per tutta la notte. Mi piacciono i picchi e gli avvallamenti, i momenti più melodici o i momenti di bellezza per spezzare il battito costante, mi piace aggiungere occasionalmente dei break beat e ridurre la pressione in modo da poterlo ricostruire di nuovo. Amo la luce e l’oscurità, la felicità e la tristezza, la profondità e la durezza di essere tutti dentro una performance.

Come ultima domanda, ci daresti il ​​nome di un brano classico che non invecchia mai per te, non importa quante volte lo ascolti?

Haha, ce ne sono così tanti, potrebbe essere ovvio ma in termini di una traccia da club, “Energy Flash” di Joey Beltram mi fa ancora impazzire quando lo sento. Canto insieme al sintetizzatore e tutti sono super eccitati che sia stato abbandonato!

Saytek

ENGLISH VERSION

Hi Joseph, thanks for chatting with us today! How are you? And which are the most important events you will participate this summer?

Hey I have lots of exciting shows coming up here are my July/August dates so far:

👉 02/07 Tanzhaus West Frankfurt
👉 05/07 Carl Cox Invites, DC10 Ibiza
👉 09/07 Beast Rave The Planet, Kulturbrauerei Berlin
👉 29/07 Moondance Festival, Trogir
👉 12/08 Confluence, Basing House London
👉 13/08 Lethargy Festival, Zurich
👉 26/08 Push Festival, Oslo
👉 28/08 Mysteryland Festival, Amsterdam

About your recent “invitation” for the opening of the Carl Cox “invite  party” at DC-10 in Ibiza, and the friendship between you guys, how did the event go? Did you enjoy your set?  

It was great fun its really something special they are doing there! It was lovely to hang out with Carl and Christopher as well!

 

Your Resident Advisor bio defines Saytek as “a true electronic musician” and your technique is very accurate indeed. How would personally describe the evolution of your studio and live setup through years?

I have focused so much on music for my live show I don’t make music any other way now, apart from remixes which I still approach traditionally. The music I release now is all chopped directly from my live sets with minimal editing. It’s all recorded to 2 track straight out of the DJ mixer.

What’s your opinion about the English techno music scenario nowadays? 

I don’t follow fashions or scenes, I am primarily an electronic music lover and like what I like. For me, it’s all about music that makes me want to dance for hours and gives me goosebumps. Timeless techno and house wins for me always.

Can you tell us about the process behind your live acts becoming tracks? 

It’s simple each track is chopped out of a continuous live performance pretty much as it is. Sometimes small edits are needed to make the beginning and the end more DJ friendly or a little warping to correct midi drift, but they are pretty much exactly as they were performed live, they will never sound quite the same when performed in future, so it really is about capturing a moment in time.

Your new live album has a way current title, “Crisis For Change”. Can you tell us the story behind it? 

In both my personal life and for humanity, a crisis can be the catalyst for huge positive change. Bad stuff happens and life gets tough, but if we take action and do the right thing in the hardest moments things get better.
Electronic music is often wordless but for me it creates feelings and it was this feeling that I had when I created the track.

From your last work, we can hear you chosen more old-school Detroit techno grooves instead of peak time or deep and power house style. Any reason about this choice? 

Detroit techno and Acid House have always had a huge influence on what I do. I am pretty old school and I believe in a live act or DJ taking people on a journey with music, I get bored if I hear nosebleed techno all night.
I like peaks and troughs, more melodic moments or moments of beauty to break up the constant throb, I like to add break beats occasionally and reduce the pressure so I can build it again. I like light and dark, happy and sad, deep and tough all to be in one performance.

As last question would you give us a name of one classic tune that never gets old for you no matter how many times you listen to it? 

Haha, there are so many, It may be obvious but in terms of a club track Joey Beltram’s “Energy Flash” still makes me go crazy when I hear it. I sing along to the synth and everyone is super excited its been dropped!

 

 

A cura di Andrea Milano