+ thirty one = 33

In occasione dell’uscita del suo nuovo EP “Intergalactic Tango” abbiamo avuto modo di intervistare la producer franco-svizzera.

Jade de Lavareille, in arte Deer Jade, è una dinamica dj e producer di origine svizzere. In occasione dell’uscita del suo ultimo EP “Intergalactic Tango” per “The Gardens Of Babylon” abbiamo avuto modo di farle qualche domanda sulla sua carriera e sulla sua vita. Il suo stile musicale melodico non è passato inosservato, tanto che Oliver Koletzki ha prodotto il suo primo lavoro, tramite la sua label Stil Vor Talent”. Ha già avuto, inoltre, modo di suonare nei club più importanti e nei festival più rinomati, tra i quali il “Burning Man” e il “Fusion”. Ad agosto, infine, suonerà anche in Italia in due date da non perdere.

Leggiamo insieme cosa ci ha raccontato.

Ciao Jade e benvenuta su Parkett! Come sta andando?

Hey ragazzi! Grazie per avermi ospitata! Sta andando davvero bene! Ho appena avuto modo di suonare in alcuni fantastici show in Italia e sono molto emozionata per questa prossima estate! Tornerò, infatti, ad agosto, quando suonerò al Twiga Beach a Pisa il 18 e al The Sanctuary in Sardegna il 21. Non vedo l’ora!

Vorrei parlare un po’ del tuo esordio musicale. Quando e come è avvenuto il tuo il tuo primo approccio con la musica elettronica?

I miei genitori hanno sempre ascoltato tutti i tipi di musica, elettronica e non, sin dalla mia infanzia. Ho avuto, quindi, la fortuna di crescere circondata da diverse ispirazioni provenienti da tutto il mondo che venivano riprodotte a casa. Ho iniziato a creare la mia libreria molto presto ed ero sempre quella che suonava alle feste durante la mia adolescenza. Non avrei, però, mai immaginato neanche per un secondo di potere fare la dj a livello professionale. Ho iniziato ad ascoltare musica a Ibiza, al Burning Man, a Tulum, ecc. e sono rimasta sbalordita dalla diversità e dalla profondità della musica. Ero ipnotizzata dall’energia che essa poteva portare su una pista da ballo. Mi stavo appassionando sempre di più finché, alla fine, mi sono resa conto di essere nata per essere una dj! haha!

Quali sono stati i generi musicali o gli artisti che hanno influenzato il tuo percorso artistico?

Scoprire, per la prima volta, i lavori di artisti come Be Svedsen, Satori, Goldcap, Viken Arman, Nicolas Cruz e tanti altri provenienti da quella scena è stato un enorme punto di svolta nella mia vita. In quel momento ho capito che la musica è ciò che amo di più e ciò che avrei dovuto fare per il resto della mia vita.

Hai avuto modo di suonare al fianco di molti musicisti. Quale è il tuo artista preferito con cui lavorare? Oppure ce n’ è uno con cui non vedi l’ora di collaborare?

 Mi piace molto lavorare con il mio grande amico e ottimo producer Vander (alias Andy Anderson), in quanto abbiamo sempre un gran bel flusso lavorativo e una visione simile di dove vogliamo arrivare con la musica.

Attualmente sono vicina di casa di Coloray a Berlino, un incredibile artista con cui non vedo l’ora di collaborare! Inoltre, essere in studio con Red Axes o Acid Pauli è uno dei miei grandi sogni!

Hai viaggiato in tutto il mondo e hai avuto modo di suonare in diversi posti. Ce n’è uno che ti è rimasto particolarmente a cuore?

Esiste qualcosa riguardo il Messico che lo rende magico. Vi è quel senso di meraviglia, bellezza e libertà. Inoltre, li ci sono così tanti posti incredibili da visitare, le persone sono molto cordiali e la scena musicale elettronica è in fermento! È sempre meraviglioso viaggiare là! Altrimenti il Giappone avrà sempre un posto speciale nel mio cuore!

Il tuo primo EP è stato pubblicato su Stil Vor Talent. Come è stato lavorare con Oliver Koletzki?

Oliver è una delle persone più gentili e talentuose che abbia mai incontrato. È stata una benedizione lavorare con lui! Dispensa sempre ottimi consigli e mostra molto supporto. Sono stata davvero grata di averlo fatto!

Il tuo approccio musicale sembra essere influenzato da una profonda spiritualità. Puoi dirci qualcosa di più a riguardo?

La musica e la spiritualità sono così meravigliosamente collegate che immergersi nell’una vuol dire immergersi ancora più profondamente nell’altra. Percorrere questo cammino è stato incredibilmente magico. Attraverso il mio viaggio spero che molti altri possano essere ispirati a seguire i desideri più veri dei loro cuori. In questo modo possiamo ricordare chi siamo e creare il paradiso in terra tutti insieme!

Quanto è importante per te lo studio, la ricerca e l’ascolto di nuova musica? In che modo queste cose influenzano la tua creatività ed ispirazione?

È più importante di ogni altra cosa! Scavo letteralmente ogni giorno, anche solo per un po’, nella musica. Lo faccio ascoltando i promo, tutte le ultime uscite, i brani che gli amici produttori mi inviano immergendomi più a fondo nelle vecchie release… È un divertimento senza fine! Poter suonare almeno un paio di nuove tracce ad ogni set è ciò che mi eccita e mi motiva di più! Vorrei poter non raccontare mai la stessa storia due volte. L’esplorazione sonore è infinita!

Parliamo un po’ del futuro. Hai un prossimo EP in arrivo? Puoi dirci qualcosa di più a riguardo?

Si! Ho appena pubblicato il mio epIntergalactic Tango” per “The Gardens Of Babylon”, coprodotto con Vander e Mâhfoud, contenente due meravigliosi remix di Chambord e Pandhora! È stato così divertente collaborare con tutti questi amici in queste tracce, che spero possa trasparire all’ascolto delle stesse!

Ho anche appena fatto uscire un remix per Glauco di Mambro e, insieme ad Isi Audi, “Assonanza” su “Gouranga”. Inoltre, ho appena finito un brano che verrà pubblicato da “Abracadabra Records” alla fine dell’estate per una compilation targata “Bye Bye Plastic”. Sono molto eccitata per questo! Presto vi saranno nuovi lavori, restate sintonizzati!

Hai così tanti progetti su cui stai lavorando e vorrai viaggiare ancora molto ed esplorare nuovi posti e nuovi mondi. Come sarà il futuro per te?

Sono molto entusiasta di tutte queste avventure imminenti! Nel futuro vi saranno un sacco di viaggi (supportando il “Sustainable Aviation Fuel” chiaramente!) e tanti festival entusiasmanti. Ci saranno anche tante ore da trascorrere per la produzione musicale e, si spera, co-creare sempre più eventi e raduni consapevoli in tutto il mondo. In questo modo festeggiare sarà di nuovo sinonimo di guarigione! Una Nuova Terra è qui!

Grazie per il tuo tempo, ciao e a presto!

Grazie a voi per il vostro tempo!


ENGLISH VERSION

Hello Jade and welcome to Parkett! How is everything going?

Heya guys!  Thanks for having me :)) Doing really great! I’ve just played some amazing shows in Italy and am very excited for all this upcoming summer! I’ll be back in August, playing Twiga Beach in Pisa on 18th and The Sanctuary Sardinia on the 21st, I can’t wait.

I would like to talk about your musical beginning first. When and how was your first approach with electronic music?

My parents have always been listening to all kinds of music since my youngest days, electronic and non electronic, so I was lucky enough to grow up with a lot of different inspirations from around the   world playing in the house. I started building my library really early on and was always the one playing music at parties in my teenage years, but never imagined for one second I would ever actually DJ professionally. I started to go out to really listen to music in Ibiza, Burning Man, Tulum etc and was blown away by the diversity and the depth of music, mesmerized by the energy it could bring to a dance floor. I was digging non stop until I eventually realized I was actually born to DJ.

What were your musical genres or the artists that influenced you in your artistic path?

Discovering the music of artists like Be Svendsen, Satori, Goldcap, Viken Arman, Nicolas Cruz and many more from all this musical movement for the first time was a massive turning point in my life, when I realized music is what I love most and what I need to be doing for the rest of my life.

You have played alongside many musicians. Which one is your favourite artist to work with? Or, is there an artist you are looking forward to collaborate?

I really love to produce with my very good friend and amazing producer Vander (aka Andy Anderson) as we always have a super nice flow and similar vision of where we want to take it with music.

I’m now flat neighbour with Coloray in Berlin, an incredible artist I’m very looking forward to collaborate with! Being in the studio with Red Axes or Acid Pauli is also a big dream!

You have traveled around the world and have played in several locations. Is there any place in particular that has remained in your heart?

There’s something about Mexico that is absolutely magical, a sense of wonder, beauty and freedom. There’s so many incredible places to visit, the people are very warm and the electronic music scene is buzzing!!! It’s always a wonderful time travelling over there. Otherwise Japan always has a special place in my heart .

Your first EP was released on Stil Vor Talent. How was your experience working with Oliver Koletzki?

Oliver is one of the kindest hearted and most talented persons I’ve ever met, it’s been a huge blessing to work with him! He’s always giving really good tips and showing much support. Very grateful!

Your musical approach seems to be influenced by a deep spirituality. Can you tell us something more about that?

Music and spirituality are so beautifully connected that diving into one is diving even deeper in the other. Walking this path has been incredibly magical, through my journey I hope many can be inspired to follow their hearts’ truest desires, to remember who we are, so we can create heaven on earth all together! 🙂

How important is the studying, the searching and listening to new music for you? How do those things affect your creativity and inspiration?

It’s more important than anything else! I dig literally every day even for just a bit, listening to promos, all the latest releases, tracks producer friends are sending me, diving deeper into older releases… It’s neverending fun!!! Being able to play at least a couple of new tracks at every set is what excites me and motivates me the most! I wish to never tell the same story twice, the sonic exploration is infinite!!!

Let’s talk about the future a little bit. You have an upcoming EP on the way? Can you tell us more about it?

Yesss I’ve just had my Intergalactic Tango EP released on The Gardens Of Babylon, co-produced with Vander and Mâhfoud, with two amazing remixes from Chambord and Pandhora! It was so much fun to collaborate on these tracks with all these friends that hopefully you can hear it in the music!!

I also just had a remix released for Glauco Di Mambro and with Isi Audi on Gouranga, “Assonanza” and finished a track that will come out on Abracadabra records at the end of the summer for a Bye Bye Plastic Compilation, exciting!!! More coming out soon stay tuned!

You got so many projects to work on and still on the way to travel a lot and explore new places and new worlds. What will the future look like for you?

Very excited about all these upcoming adventures, the future is looking like a lot of travels indeed (supporting Sustainable Aviation Fuel of course!), lots of exciting festivals, hours spent on music production, and hopefully co-creating more and more conscious events and gatherings around the world, so celebrating can be a synonym for healing again! New Earth is here!!!

Thank you for your time, goodbye and see you soon!

Thank you for your time!

Qui trovate le pagine Instagram e Facebook ufficiali di Deer Jade.