− two = one

Dopo aver lanciato l’iniziativa “Tell Me Aboundless” i ragazzi del Napušten tornano a far parlare di sè con la prima preview del grande festival.

Abbiamo lasciato il Napušten al terzo episodio del “Tell Me Aboundless”, l’iniziativa che ha portato la nostra attenzione su tre artisti singolari della scena italiana: Kill Ref, Exsiderurgica e Kobold.

Ma lo staff ha preparato per il pubblico di Arezzo un evento che lascerà sicuramente un segno nella movida toscana.

Tutto sembra pronto per il prossimo 19 gennaio, dalla scelta artistica a quella della location. Nulla quindi è stato lasciato al caso.

Un progetto dimostratosi audace sin dall’inizio 

Napušten è un progetto che ha dimostrato di non avere mezze misure. È riuscito infatti a portare in una realtà complicata come quella di Arezzo, un nuovo modo di vivere la musica e la dancefloor.

La Napušten mania è esplosa nel luglio 2017, quando il collettivo ha messo in piedi la prima edizione del festival che vedeva come headliner Bas Mooy.

Nella stagione successiva, il progetto è ripartito proprio dalla Fortezza del Girifalco, location stupefacente, in occasione dell’ultimo episodio di Tell Me Aboundless“.

Con il primo evento alla Fortezza il collettivo ha dimostrato di avere tenacia proponendo come protagonisti UVB BR1002, artisti che all’epoca cavalcavano l’onda nel panorama techno industriale e che hanno giocato un ruolo fondamentale nella sensibilizzazione del pubblico ad un genere musicale così spinto.

Lo scorso marzo invece con il secondo evento si è andato a consolidare l’obiettivo del progetto, promuovendo una line up ancor più ricercata.

In quell’occasione i BR1002 hanno affiancato Headless Horseman figura artistica di spicco avvolta in un alone di mistero, che ha letteralmente mandato in escandescenza i presenti nella dancefloor.

I due eventi sopra citati dovevano solo preparare la platea a quella che sarebbe stata la II edizione del Napušten Festival.

Il festival è stato un successo. L’evento ha richiamato a sé appassionati di musica techno provenienti da tutta Italia. Ricordiamo infatti i principali artisti scelti per l’occasione: PercI Hate ModelsDomenico CrisciLuciano Lamanna, WarinD BR1002.

Arezzo si prepara ad accogliere la vera techno

Dopo un anno così ricco di esperienze e soprattutto di buona musica i ragazzi del Napušten hanno deciso di ripartire in quinta, con un evento attesissimo che vedrà in consolle: 999999999 liveScalameriyaWarinD Radikal.

I 999999999 con la loro performance live sorprenderanno i presenti che attendono incuriositi di ascoltare un duo che sta collezionando successi nei migliori club europei.

Mentre Scalameriya, dj e produttore serbo, ha catturato l’interesse della direzione artistica perché riesce a plasmare con la musica elettronica tutta la sua energia e tutte le sue emozioni.

Il risultato di ciò è un’incredibile sinergia tra la sua performance e gli ascoltatori.

Il terzo artista su cui è ricaduta la scelta della direzione è WarinD. Figura chiave già della II edizione del festival questa volta è pronto a riportare in pista tutta l’irruenza della techno made in Italy.

Ma come ogni grande evento che si rispetti, l’organizzazione deve lanciare in campo uno dei suoi dj resident. In rappresentanza del Napušten vedremo in consolle Radikal che si cimenterà in un’esibizione live.

Tutto perfetto. Dall’atmosfera, alla combinazione di luci e immagini proiettate all’interno della location. Nessun dettaglio è stato trascurato.

Di questo se ne occuperà uno dei migliori professionisti del settore, Rod V/Plasm.

Rod in attività dal 2013 ha raccolto nel suo bagaglio di esperienza molte collaborazioni importanti con artisti del calibro di: Pfirter, Stanislav Tolkachev, Remco Beekwilder, I Hate Models, Roberto Clementi, RVDE, Florian Meindl, Boston 168, Dax J, Thomas P. Heckmann, Ontal e Charles Fenckler.

Ma il suo nome è stato associato anche a importanti realtà discografiche come: Pole Group, Soma Records, Detroit Techno Militia Drumcode.

In attesa del 19 gennaio vi invitiamo a dare un’occhiata al trailer dell’evento, realizzato da V/Plasm:

e per maggiori info è possibile consultare la pagina Napušten.