− seven = two

Direttamente da Pune, nel Maharashtra, K-Ten, il nuovo talento indiano che vi presentiamo oggi per MyZone. Lasciatevi stupire dalla sua techno!

Ketan Ban, vero nome di K-Ten, è un produttore e DJ techno indiano con la passione per i ritmi cerebrali, ipnotici, senza tempo. I suoni che articola agiscono nello spazio non occupato riempiendolo di pura energia. La sua musica ci accompagna in un viaggio da brividi, un equilibrio tra  pista da ballo e musica per la mente.

K-Ten

La techno di K-Ten si posiziona nel lato più profondo dell’elettronica pulsante. Un ottimo esempio è la traccia che ci ha dato in anteprima esclusiva “Disco Heat” contenuta in “Nostalgia Ep”, in uscita per la [R]3volution Records il 2 maggio 2022.

Quando l’abbiamo sentita per la prima volta siamo stati catturati dalla potenza dell’attacco dei bassi, lasciatevi stupire!

K-Ten – “Disco Heat” (Original Mix)- [R]3volution Records

Abbiamo avuto, inoltre, il piacere di parlare direttamente con il nuovo prodigio techno indiano con la passione anche per l’elettronica italiana. Un’intervista esotica, ricca di spunti di riflessione e di scoperta.

Ciao Ketan, è un piacere averti su Parkett. Siamo molto curiosi perché raramente ci capita di parlare di musica elettronica asiatica. Raccontaci un po’ di te, qual è stata la tua formazione, come ti sei avvicinato alla musica e altre cose che ritieni importanti per il tuo percorso.

È un piacere essere su questa piattaforma. Grazie mille.

Vengo da una piccola città dell’India chiamata Pune. Tutto è iniziato quando ero a scuola quando mi è stata fatta ascoltare un po’ di buona musica. Da bambino, mio ​​fratello maggiore riportò delle cassette con della musica incredibile di vari artisti come Michael Jackson, The Chemical Brothers, Darude, Atb, The Prodigy, Madonna, Sting e molti molti altri… Quindi dopo aver sentito tutti questi artisti nel tempo, sono diventato ossessionato dalla musica.

Arrivato al college, ho deciso di diventare un DJ e l’ho detto ai miei genitori. Non fu un problema per loro. È stata mia madre a sostenermi di più. Era felice di vedere che entrassi nel campo artistico/creativo… così, ho frequentato corsi di DJing/produzione musicale nel 2008-2009, e poi sono diventato Resident DJ in un paio di rinomati locali della mia città natale per 10 anni fino al 2020.

Essere un DJ residente è stata un’esperienza memorabile, ma anche piuttosto impegnativa poiché suonavo 6 giorni a settimana e mi aggiornavo costantemente con la musica più recente. Nessuno vuole ascoltare la stessa canzone più e più volte (nemmeno un club manager). Quindi essere un Resident DJ era un bel compito. Ci sono momenti in cui se stai suonando le stesse canzoni, dovrai mescolare un paio di generi e cambiare l’ordine. E questo immagino sia ciò che ha contribuito alla mia versatilità come DJ techno e alla mia capacità di avvicinarmi alla musica con la mente aperta.

k-Ten

Come viene ricevuta la musica techno e quanto spazio riceve in India? (Soprattutto tra le giovani generazioni)

Ho visto la scena musicale indiana crescere molto velocemente e il pubblico si è adattata molto bene. Alcuni dei migliori festival musicali nel nostro paese includono il Supersonic (che ha un palco Awakenings) e il Magnetic Fields. Una moltitudine di artisti techno si sono esibiti anche in India, tra cui Sven Väth, Dubfire, Richie Hawtin, Charlotte de Witte, Amilie Lens, Amotik Coyu, EXOS e Claudio PRC solo per citarne alcuni.

Inoltre, le nuove generazioni sono davvero aperte alla musica techno, grazie ai nostri prodigi indiani Arjun Vagale, Ash Roy e Calm Chor che hanno contribuito enormemente a portare la scena techno indiana sulla mappa globale come facevano in passato come “Cartello di Jalebee“. Da lì, è cresciuto, è cresciuto e sta ancora crescendo, senza dimenticare di menzionare Kohra, Audio Units, Dotdat e molti altri produttori e DJ indiani che stanno contribuendo attivamente alla scena techno in India.

Ho ascoltato alcuni tuoi brani, ho notato un approccio ‘occidentale’ alle canzoni, non so, forse mi aspettavo qualcosa di più ‘tradizionale’ (purtroppo quello che spesso ci arriva è molte volte legato alla cultura), quindi mi stavo chiedendo: c’è spazio per le influenze culturali indiane nella tua musica?

Dal momento che la mia inclinazione è diretta verso la techno, non credo che le influenze culturali indiane avrebbero senso nella mia musica. Se stessi componendo qualsiasi altro tipo di musica, downtempo o sperimentale, forse avrei usato campioni indiani e li avrei fusi con l’approccio occidentale. Tuttavia, è sempre una buona idea sperimentare, poiché quando si fa musica possono accadere incidenti ‘felici’.

Da cos’altro trai ispirazione?

Per trovare ispirazione ascolto regolarmente nuova musica e leggo interviste. Perché interviste? Cerco di imparare qual è l’approccio degli artisti alla musica techno e come lo implementano. Di conseguenza, mi piace leggere del viaggio dell’artista e delle sue lotte per liberarmi e ispirarmi in studio. Inoltre, ricordo a me stesso che nessuna superstar è nata dall’oggi al domani. Questo mi aiuta a evitare di essere risucchiato dall’ansia.

Sei anche apparso in una playlist di Rolling Stone India; te lo aspettavi? Com’era quella sensazione?

Oh, è stata una bellissima sensazione ed è stato del tutto inaspettato. Avevo pubblicato un singola release su Bandcamp chiamato “Bliss Me” e l’ho pubblicata su Soundcloud – quindi non sono sicuro di come abbiano scoperto la mia traccia, ma mi hanno contattato e hanno detto che avrebbero voluto presentarlo. Essere supportati renderà sicuramente felice qualsiasi artista emergente e aspirante. Alla fine della giornata, gli artisti vogliono un po’ di riconoscimento e un po’ di rispetto per quello che fanno.

Dove ti piacerebbe suonare? Preferisci i grandi palcoscenici o le situazioni più intime?

Dato che non suono da nessuna parte da 2 anni, preferisco le situazioni intime perché sono sempre stato un Resident DJ in un club per molto tempo e ci sono un po’ abituato. È bello suonare in uno spazio intimo in modo da poter essere più vicini al pubblico e scambiare esperienze.

E a proposito di eventi, in quale festival ti piacerebbe suonare?

Come dicevo prima, abbiamo un Supersonic Festival (Awakenings Stage) e un Magnetic Fields e molti altri festival musicali in India. Questi sono i due festival in cui mi piacerebbe di più suonare.

leggi anche: Awakenings 2022: ecco la line up completa dell’edizione estiva

Che set usi durante le tue esibizioni? Invece, in studio?

La mia configurazione per le prestazioni è piuttosto semplice: utilizzo Pioneer CDJ 2000 (tramite modalità HID) o Native Instruments X1 mk2 con MacBook Pro tramite Traktor PRO.

Per quanto riguarda le apparecchiature da studio, utilizzo monitor Yamaha HS 80, subwoofer HS 10W, Moog Minitaur, Korg Volca Keys, Korg Volca Bass, scheda audio Focusrite 8i6, tastiera Roland A-500 Pro e Ableton Live. Eseguo la maggior parte dell’editing e del missaggio all’interno della DAW.

Mentre, i 5 plugin preferiti che usi più spesso?

– Alerrboy di Soundtoys
– Fabfilter Pro Q3
– Valhalla Shimmer
– The Legend di Synapse Audio
– Dirt & Bite di Native Istruments

Quindi, come costruisci la tua musica? Insomma, qual è il tuo processo di produzione musicale?

Allora, il mio workflow è abbastanza semplice, ma allo stesso tempo complesso perché mi piace sperimentare molto quando compongo poiché più sperimento, più posso provare cose nuove. Non produco brani in maniera veloce, mi prendo il mio dolce tempo.

La batteria (kick) è sempre la prima cosa che aggiungo a una traccia. Non appena ho progettato la cassa in base ai miei gusti, inclusi equalizzazione ed elaborazione oltre ad aggiungere e comprimere, e quindi limitare se necessario, dopodiché inizierò a lavorare sulla linea di basso perché è la base della canzone e la chiave dell’intera traccia. Quindi inizierò ad aggiungere le percussioni e una volta finalizzato il groove, salterò sui lead e poi FX e infine l’arrangiamento.

Una volta che tutto questo è completato inizio con la mia sessione di mixdown. Ma la parte principale del mio processo è la sperimentazione in ogni fase di questo processo perché sento che non c’è innovazione senza sperimentazione – Inoltre, tenngo in mente un approccio “less is more” (che ho imparato a mie spese) e se aggiungo più suoni per riempire lo spettro di frequenza cerco di sovrapporli in modo che non rimbombi troppo.

Molto interessante. C’è qualche artista elettronico italiano che ascolti e che ti piace particolarmente?

Sì, e ci sono diversi nomi da citare: Adiel, Alarico, Hertz Collision, Ness e Claudio PRCLuigi Madonna, DJ Plant Texture, Luigi Tozzi e, naturalmente, la leggenda italiana Robert Miles.

  • Alan Backdrop-Nizaj (Original Mix)
  • Volster – The Wolf (Alarico Remix)
  • Luigi Madonna – Enfant Terrible (Original Mix)
  • DJ Plant Texture – Press Play On That MF MPC Maaan (Original Mix)
  • Claudio PRC – Orakle (Original Mix)
  • Hertz Collision – Jvlia (Original Mix)
  • Ness – Superluminal V (Original Mix)
  • Robert Miles – Dreamland – Fable – (Message Version)

Grazie per la chiacchierata e vi saluto come al solito. Ti lascio uno spazio libero dove puoi condividere i tuoi pensieri o un’istanza a cui tieni con noi se ne hai voglia.

In conclusione, vorrei dire: supportate gli artisti emergenti e aspiranti e aiutali ad avere successo. Mentre per gli artisti in difficoltà là fuori: non perdere la speranza! Lavora sodo e rimani coerente per ottenere quello che vuoi! Non rinunciare mai ai tuoi sogni! – K

Ciao K-Ten, buona fortuna!

Grazie Nicola per queste belle domande, ciao.


Ciao Ketan, it’s a pleasure to have you on Parkett. We are very curious because it is not very often that we talk about Asian electronic music. Tell us a little about yourself, what your training was, how you approached music and other things that you think are important for your path.

It is a pleasure to be on this platform.  Thank you very much.

I hail from a small city in India called Pune. It all started when I was in school when I was introduced to some good music. As a kid, my elder brother brought some cassette tapes with some incredible music by various artists such as Michael Jackson, Darude, Atb, The Chemical Brothers, The Prodigy, Madonna, Sting and many many more… So after listening to all these artists over time, I became obsessed with music. When I got to college, I decided to become a DJ, and I told my parents.

It was no problem for them. It was my mom who supported me the most. My mother was happy to see that I was getting into a creative field…so, I took DJing / Music Production courses in 2008-2009, and then I became a resident DJ at a couple of reputed venues in my hometown for 10 years until 2020.

Being a resident DJ was a memorable experience, but also quite challenging since I played 6 days a week and I was constantly updating with the latest music. No one wants to hear the same song over and over again (not even a club manager). So being a resident DJ was quite a task. There are times when if you are playing the same songs, you’ll have to mix a couple of genres and change up the order. So I guess, it’s what contributed to my versatility as a techno DJ and my ability to approach music with an open mind.

K-Ten

How is techno music received and how much space does it receive in India? (Especially among the younger generations)

I’ve seen the Indian music scene grow really fast and the crowd has adapted really well. Some of the finest music festivals in our country include Supersonic (which has an Awakenings stage) and Magnetic Fields. A multitude of techno artists have also performed in India, including Sven Väth, Richie Hawtin, Dubfire, Charlotte de Witte, Amilie Lens, Amotik Coyu, EXOS, and Claudio PRC to name a few.

Moreover, the younger generation is really open-minded to techno music – thanks to our Indian prodigies Arjun Vagale, Ash Roy, & Calm Chor who have contributed tremendously to put the Indian techno scene on the global map the way they did back in the day as “Jalebee Cartel“. From there, it grew and grew and is still growing, not forgetting to mention Kohra, Audio Units, Dotdat, and many more Indian producers and DJs who are actively contributing to the techno scene in India.

I listened to some of your tracks, I noticed a ‘western’ approach to the songs, I don’t know, maybe I expected something more ‘traditional’ (unfortunately what often comes to us is often linked to culture), so I was wondering: there is room for Indian cultural influences in your music?

Since my inclination is towards techno music, I don’t think that Indian cultural influences will make sense in my music. If I was composing any kind of downtempo or experimental music, then maybe I would have used Indian samples and fused them up with the western approach. However, it is always a good idea to experiment since happy accidents can happen anytime when making music.

What else do you draw inspiration from?

In order to find inspiration, I regularly listen to new music and read interviews. Why interviews? I try to learn what the artist’s approach to techno music is and how they implement it. Consequently, I enjoy reading about the artist’s journey and their struggles to relieve myself and inspire myself in the studio. Also, I remind myself that no superstar was born overnight.

This helps me avoid getting sucked into the anxiety.

k-ten

You also appeared in a Rolling Stone India playlist; did you expect it? How was that feeling?

Oh, it was such a great feeling and it was completely unexpected. I had put out a single release on Bandcamp called “Bliss Me” and posted it on Soundcloud – so I’m not sure how they discovered my track, but they contacted me and said they’d like to feature it. Getting supported will surely make any upcoming and aspiring artist happy. At the end of the day, artists want some recognition and a little bit of respect for what they do

Where would you like to play? Do you prefer big stages or in more intimate situations?

Since I haven’t played anywhere for 2 years, I prefer intimate situations because I was always a resident DJ in a club for the longest time and I am kind of used to it. It’s nice to play in an intimate space so that we can be closer to the audience and exchange experiences.

And speaking of events, which festival would you like to play at?

As I mentioned above, we have a Supersonic Festival (Awakenings Stage) and Magnetic Fields and many other music festivals in India. These are the two festivals I would most like to play at.

What set do you use during your performances? Instead, in the studio?

My setup for performances is quite basic – I use Pioneer CDJ 2000 (via HID mode) or Native Instruments X1 mk2 with MacBook Pro via Traktor PRO.

As far as studio equipment goes, I use Yamaha HS 80 monitors, HS 10W subwoofer, Moog Minitaur, Korg Volca Keys, Korg Volca Bass, Focusrite 8i6 sound card, Roland A-500 Pro keyboard, and Ableton Live. I do most of the editing and mixing inside the DAW.

While, the top 5 favorite plugins you use often?

– Alerrboy di Soundtoys
– Fabfilter Pro Q3
– Valhalla Shimmer
– The Legend di Synapse Audio
– Dirt & Bite di Native Istruments

So, how do you build your music? In short, what’s your music production process?

So my workflow is quite simple, yet complex at the same time because I like to experiment a lot when I am composing because the more i experiment, the more i get to try new things, and I don’t crank out tracks extremely fast, I take my sweet time with it.

Kick drums are always the first thing I add to a track. As soon as I have the kick drum designed according to my taste – including Eqing and processing further in addition to adding and compressing, and then limiting if needed, after that I will begin working on the bassline because it is the foundation of the song and key to the entire track. Then I will start adding the percussion and once the groove is finalized then I will jump on the leads and then FX and then comes the arrangement.

Once, all of this is completed. I start with my mixdown session. But the main part of my process is experimentation at each step through this process because i feel there’s no innovation without experimentation – Also, keeping less is more approach in my mind (which i learned the hard way) and if i am adding more sounds to fill up the frequency spectrum i try to layer the sounds in a way that it doesn’t sound too much.

K-Ten

Very interesting. Is there any Italian electronic artist that you listen to and that you particularly like?

Yes, I do and there are several names to mention – Adiel, Ness, Claudio PRC, Alarico, Hertz Collision, Luigi Madonna, DJ Plant Texture, Luigi Tozzi, and of course the Italian legend Robert Miles.

  • Alan Backdrop-Nizaj (Original Mix)
  • Volster – The Wolf (Alarico Remix)
  • Luigi Madonna – Enfant Terrible (Original Mix)
  • DJ Plant Texture – Press Play On That MF MPC Maaan (Original Mix)
  • Claudio PRC Orakle (Original Mix)
  • Hertz Collision – Jvlia (Original Mix)
  • Ness – Superluminal V (Original Mix)
  • Robert Miles – Dreamland – Fable – (Message Version)

Thank you for the chat and greet you as usual. I leave you a free space where you can share your thoughts or an instance that you care about with us if you feel like it.

In closing, I would like to say – support upcoming and aspiring artists and help them to succeed by supporting them. For the struggling artists out there, don’t lose hope! Work hard and stay consistent to achieve whatever you want! Don’t give up on your dreams! – K

Ciao K-Ten, good luck!

Thanks, Nicola, for these nice questions, bye.